joshua000
Storie di vita

Joshua, neonato sopravvive a attacco di cuore e meningite [FOTO]

joshua000

La storia del piccolo Joshua è la storia di un grande miracolo di speranza, scienza e amore. Il bimbo, fin dalle primissime ore di vita, ha infatti dovuto affrontare un vero e proprio calvario, dal quale è tuttavia riuscito ad usicre con una grandissima forza di volontà: una forza di volontà che l’ha tenuto fermamente attaccato al suo desiderio di vita e di lotta.

Leggi anche: Nascono 3 gemelline (di cui 2 siamesi), ecco il rarissimo caso che fa il giro del mondo

PAY-Baby-Joshua-with-brother-Charlie

Il dramma della famiglia del piccolo Joshua hanno infatti dovuto assistere impotenti a tutto ciò che è accaduto al loro bimbo, che dopo 48 ore dalla nascita ha dovuto affrontare un attacco cardiaco e, successivamente, una serie di infezioni che lo hanno condotto vicino alla morte, e a una meningite. La situazione di Joshua si era resa talmente grave che a un certo punto i medici hanno chiesto ai genitori se volessero spegnere il sistema di sostegno alla respirazione del neonato, mettendo così fine alle sue sofferenze.

PAY-Baby-Joshua-in-hospital-e1406288686167

“Lui aveva solo bisogno di un po’ più di tempo, sapevo che mio figlio era un piccolo combattente e avrebbe lottato per respirare da solo” – ha affermato la mamma Jaime. Joshua ha lottato, ed ha superato tutti gli ostacoli che la vita gli ha messo davanti. I genitori sono ancora in attesa di comprendere se il calvario abbia lasciato qualche danno permanente, ma il peggio sembra essere alle spalle, e Joshua può ora tornare dal suo gemello Charlie.

Leggi anche: Parto social, nuova tendenza in Italia

PAY-Jamie-Arndt-with-her-partner-Lee-Simon-and-children-Zachary-with-baby-Joshua-and-Charlie

“Sembra che Joshua e Charlie sappiamo di essere di nuovo insieme. Sono più tranquilli” – dichiara la mamma dei due bimbi – “Si coccolano l’un l’altro e c’è sempre una parte del corpo di uno che tocca quello dell’altro. Anche il breve tempo trascorso insieme in ospedale deve aver aiutato“.