Mai più bimbi dimenticati in auto: arriva l’app che salva la vita ai piccoli sul seggiolino

 

Bambini “dimenticati” in auto? Un dramma che capita più spesso di quanto si possa pensare, come insegnano le tristi cronache quotidiane. Ma adesso è arrivata la soluzione: a 8 mesi dalla presentazione del prototipo, Chicco ha lanciato sul mercato il sistema BebèCare, il seggiolino sviluppato in collaborazione con Samsung che sfrutta la tecnologia per segnalare la presenza di bambini in auto e impedire così fatali dimenticanze. Nello specifico, BebèCare è disponibile in due versioni, entrambe dotate di sensori che registrano la presenza di piccoli occupanti: l’Oasys 0+ UP è omologato secondo la normativa ECE R44/=4 per il trasporto di bimbi dalla nascita sino a 13 kg, l’Oasys i-Size (omologato secondo la normativa i-Size ECE R129) è invece riservato a bambini con un’altezza compresa tra 40 e 78 cm, sino a un peso massimo di 13 kg. (Continua dopo la foto)

dentro

Ecco come funziona. Va scaricata un’app sullo smartphone che, una volta posizionato il bimbo sul seggiolino, si attiva segnalando la sua presenza a bordo attraverso i sensori integrati. Se lo smartphone su cui è stata scaricata l’app si allontana dalla vettura su cui è installato il seggiolino con il bambino a bordo, l’app stessa invia un allarme acustico e visivo che si può silenziare entro 40 secondi. Scaduto il termine, l’allarme passa al secondo livello, e partono in contemporanea sms ai numeri di emergenza registrati nell’account personale (massimo 5) con le indicazioni utili per individuare l’area in cui si trovano auto e bambino.  (Continua dopo le foto)

dentro1 dentro2Per maggiore sicurezza, il sistema BebéCare consente di connettere il seggiolino a un indeterminato numero di smartphone, a patto che vi sia installata l’app e siano dotati di Bluetooth e che siano collegati allo stesso account Famiglia (che può essere associato sino a un massimo di 3 seggiolini BebéCare). In questo modo, spiegano da Chicco, ogni membro della famiglia può utilizzare lo strumento di controllo e geolocalizzare l’auto con a bordo il seggiolino: “Su un tema così importante come quello della sicurezza non potevamo che sentirci chiamati, anche moralmente, ad attivarci”, ha detto Marco Schiavon, vice presidente Chicco Italia, Spagna e Portogallo .