bimbocop
Famiglia

Chiede di abbracciare il figlio appena nato e se lo poggia addosso. Ma non poteva certo immaginare una simile conseguenza: l’assurda scoperta della mamma

 

La pratica farebbe bene per creare un’immediata intimità tra i membri della famigliola e rassicurare il neonato. Stringere il bebè appena venuto al mondo però potrebbe costare caro. Una sottolineatura solo all’apparenza senza senso di cui due coniugi dello Utah, negli Usa, sanno però parecchio. Costa 39.35 dollari. La notizia, diffusa su Twitter dagli amici della coppia, ha suscitato un’ondata di indignazione e la storia della famiglia Grassley è diventata virale. Tutto inizia con il parto del secondo figlio della coppia, che vive a Spanish Fork nello Utah. Un parto con taglio cesareo, perfettamente riuscito. Dopo la nascita, i Grassley al culmine della felicità chiedono di potere tenere subito tra le braccia il piccolo Samuel. Un’infermiera, scrive Ryan in un post sui social media che è stato già letto 4 milioni di volte, lava e pulisce il bambino e lo consegna ai genitori per farglielo coccolare qualche minuto, in quel contatto pelle a pelle mamma-neonato che gli esperti considerano molto importante. Ryan intanto scatta qualche foto. Qualche giorno dopo la coppia e il piccolo tornano a casa. (Continua dopo la foto)

bibmodentro2

La sorpresa arriva con il conto dell’ospedale. I Grassley, infatti, per quell’abbraccio devono pagare 39.35 dollari (più o meno 35 euro). Il “contatto pelle a pelle” tra mamma e neonato non viene infatti “rimborsato dall’assicurazione”. Dopo l’iniziale sorpresa, la coppia decide di condividere sui social quanto accaduto. “Ho pensato di mettere il conto dell’ospedale su Reddit perché mi sembra una situazione comica”, scrive Grassley che ha iniziato anche una raccolta fondi (ironica) su GoFundMe. la storia dei Grassley è diventata virale e tante persone, in tutto il mondo, si sono indignate per i costi della sanità negli Stati Uniti con la notizia che ha rimbalzato da Reddit a Facebook , da Twitter a Imgur: 4 milioni di persone hanno letto il post di Ryan Grassley. (Continua dopo le foto)

bimbodentro bimbodentro1

“Abbiamo avuto un’esperienza molto positiva – ha aggiunto l’uomo- il personale medico e dell’ospedale è stato fantastico”. Nessun livore verso l’ospedale, dunque. Ma pagare per tenere in braccio il proprio figlio appena nato è decisamente incredibile. Visto che della vicenda si sono occupati anche diversi canali tv Usa, anche l’ospedale ha replicato. Secondo la portavoce dello Utah Valley Hospital, Janet Frank “è dimostrato che il contatto pelle a pelle tra mamma e neonato porta molti benefici. Ma per consentire a una madre, dopo un cesareo, di tenere in braccio il suo bambino in tutta sicurezza è necessaria la presenza di personale infermieristico”. Che va pagato a parte. Ah, l’America…