camomillacop
Alimentazione

Ritirato dal mercato! Quel prodotto è pericoloso per la salute: controllate bene nella vostra cucina

 

Sostanze cancerogene nella camomilla: ritirate in via cautelativa le scatole dell’azienda francese Kusmi Tea che distribuisce tè e infusi sul mercato europeo, Italia compresa. Il rischio è che contengano alcaloidi pirrolizidinici (PA) – sono stati rinvenuti in almeno la metà delle bustine analizzate – ovvero sostanze che nel lungo periodo possono rivelarsi cancerogene e causare danni al Dna. A darne l’annuncio è la Stiftung Warentest, associazione tedesca per i consumatori, come riporta anche Il Fatto Alimentare. Gli alcaloidi pirrolizidinici sono delle sostanze prodotte naturalmente dalle piante che nella raccolta della camomilla possono essersi mischiate ai fiori aumentando così i livelli accettabili nel prodotto finale. I PA sono sostanze prodotte naturalmente da molte piante, per esempio il Non ti scordar di me, come meccanismo di difesa contro insetti e animali, che possono venire mescolate accidentalmente alla camomilla durante la raccolta. (Continua dopo la foto)

camomilladentro

La rivista Stiftung Warentest sul sito spiega che secondo alcuni studi un’esposizione prolungata a questi alcaloidi potrebbe essere cancerogena e dannosa per il fegato.
La casa produttrice e l’azienda tedesca specificano che non esiste ancora un limite di legge per i PA negli alimenti e anche se i livelli medi di alcaloidi sono al di sotto delle soglie proposte dall’Efsa (Agenzia europea per la sicurezza alimentare), la Kusmi Tea ha deciso di togliere dal mercato tutti i lotti di camomilla volontariamente e in via del tutto precauzionale.

(Continua dopo le foto)

camoilladentrocamomilla2
La decisione è sopraggiunta in seguito allo studio di un’organizzazione tedesca, che ha rilevato la sostanza in molte bustine: le concentrazioni risultano comunque sotto i livelli di sicurezza sanciti dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare.