posizione-13
Fotogallery

Posizioni del bimbo nella pancia, fantastiche foto! [FOTOGALLERY]

posizioni del bimbo nella pancia

La fotogallery che vogliamo proporvi quest’oggi è stata realizzata da Mary Fermont, una bravissima fotografa che è riuscita nell’impresa di immortalare i neonati appena usciti dal grembo materno, “catturando” per un’istante l’esatta posizione tenuta dai bimbi nei nove mesi della gravidanza. Ne sono scaturiti degli scatti particolarmente affascinanti e dolci, che vogliamo oggi condividere con tutti voi!

Sono stata la prima fotografa olandese a scattare questo tipo di foto. Quando ho realizzato il mio primo servizio per la nascita di un bimbo la levatrice stessa ha mostrato ai genitori come era posizionato il piccolo nel grembo materno. Ora, durante i workshop di fotografia suggerisco ai miei studenti di chiedere all’ostetrica questa posizione” – racconta Fermont.

L’occasione di questa galleria fotografica ci è gradita per poter parlare dei movimenti del bimbo nella pancia. Effettivamente, nonostante i genitori non vedano proprio l’ora di avvertire i piccoli “calci” mossi dal bebè, le prime turbolenze generate dal feto si avvertono solamente intorno alla 18-20ma settimana. Naturalmente ne scaturisce uno stupore davvero molto forte, e alcune mamme hanno evidente difficoltà a comprendere se si tratti di qualche movimento corporeo del proprio figlio o, di contro, se si tratti di movimenti determinati esclusivamente dall’aria.

Leggi anche: Cosa fanno i bambini nella pancia della mamma?

Altrettanto ovviamente, è bene ricordare che il feto si muove già prima della 18-20ma settimana. Tuttavia prima di questo periodo è talmente piccolo e i suoi movimenti sono talmente graduali che difficilmente la donna riuscirà ad avvertirli.

Con il passare delle settimane, i dubbi che i “colpi” siano determinati dal proprio bambino e non da movimenti dell’intestino vanno comunque scemando, e i “calci” diventano sempre più chiari. Il piccolo all’interno della pancia inizierà a sentirsi “stretto”, e non potrà che muoversi fornendo qualche pugno o qualche calcio alla madre. Non solo, spesso i movimenti del bimbo, avvertiti dalla madre, sono quelli tipici del neonato che si “stira”, iniziando a prendere confidenza con il proprio corpo.

Alla madre non rimarrà far altro che infondere nuovo amore a questo bimbo in formazione, “ascoltando” stupefatta tutti i suoi movimenti. Un consiglio: accarezzate spesso la parte che si è mossa. Il piccolo riuscirà ad avvertire questa dolcezza e si tranquillizzerà. Di contro, potrebbe avvertire uno stimolo esterno di “risposta” ai propri calci, e continuare a calciare con ancora maggiore vigore.

Leggi anche: Mal di pancia in gravidanza, 10 consigli per gestirlo!

E i papà? Per costoro, occorrerà attendere almeno il sesto mese prima di comprendere cosa stia accadendo all’interno della pancia della mamma. Prima di questo frangente temporale, infatti, non è possibile rendere partecipe il partner delle turbolenze che stanno accadendo all’interno della pancia della madre. Una volta superato questo limite temporale è possibile che anche il papà si renda parte attiva in quel che sta accadendo alla partner e al figlio, poggiando teneramente le mani sulla pancia della donna.

In questo modo il papà non solo vedrà cambiare gradualmente la propria compagna, ma potrà sentire realmente più vicina la presenza del bambino che tanto attende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *