Models.
Gravidanza

Ginecologi a donne in gravidanza: “Vaccinatevi contro questa influenza”

 

Contro questa influenza un invito alle donne in gravidanza che nel periodo dell’epidemia si troviano nel primo trimestre di gravidanza. L’epidemia influenzale di quest’anno si annuncia più ‘cattiva‘ di quella dello scorso anno. Mentre nella passata stagione l’influenza è stata relativamente lieve e solo l’8% della popolazione ha contratto l’infezione, quest’anno si prevede che saranno circa 7 milioni gli italiani colpiti: 2 milioni in più rispetto all’anno precedente. E una malattia sconfitta torna alla ribalta questo inverno.

(Continua dopo la foto)

vaccino-donna

Conferma le previsioni l’Associazione Microbiologi Clinici Italiani, ricordando che “i due virus A/Hong Kong e B/Brisbane hanno subito mutazioni rispetto ai ceppi che circolavano l’anno scorso e l’immunità nei loro confronti è bassa”. Ma oltre ai virus influenzale stagionale, quest’anno si teme anche al ritorno della Bordetella pertussis, il batterio responsabile della pertosse, avvertono gli specialisti dell’Amcli basandosi su alcuni studi condotti a Torino, Napoli, Milano e Roma,Sostenibilità e Società Multietnica, arriva un invito a vaccinarsi.

“La vaccinazione è consigliata sempre per le donne in gravidanza. Bisogna sfatare il mito che la vaccinazione sia un problema o dia problemi. La vaccinazione risolve i problemi non li da’- spiega il presidente Sigo, Paolo Scollo – che ci sia un’educazione alla vaccinazione è la dimostrazione più grande che noi ginecologi siamo a favore di tutte le vaccinazioni ufficialmente approvate dal Sistema Sanitario Nazionale. I ginecologi invitano le donne in gravidanza a vaccinarsi per questa stagione influenzale e quelle che non sono ancora in gravidanza a controllare se hanno avuto la rosolia: se non l’hanno avuta l’invito è a vaccinarsi prima di rimanere incinte”.

L’obiettivo quello di tutelare la mamma ed il neonato sin dalla gravidanza, attraverso la previsione della vaccinazione difto-tetano e pertosse in gestazione, nei primi tre mesi di gravidanza.