preparto
Gravidanza

Corso pre parto si o no? Tutto quello che c’è da sapere prima di scegliere

 

Durante la prima gravidanza quasi tutte le future mamme sono piene di dubbi. Per cercare di risolverne almeno qualcuno, può essere molto utile frequentare un corso pre parto o corso di accompagnamento alla nascita. Questi corsi infatti possono aiutare le donne in attesa a chiarire tutte le mille domande sulla gravidanza, il travaglio ed il parto e a prepararle ad affrontare la nascita del loro primo figlio nel modo migliore. Diffidate di quelli che insistono sulle tecniche di respirazione: al 90% non le userete al momento di far nascere vostro figlio/a, ma sono utili per molto altro.

(Continua dopo la foto)

corso-preparto

Utili non solo per imparare le tecniche di respirazione e rilassamento, ma soprattutto per crearsi una rete di contatti indispensabili per il dopo. Il primo consiglio è di cercare di fare il corso nell’ospedale o nella clinica dove volete partorire. In questo modo, infatti, avrete la possibilità di conoscere le ostetriche della struttura, che, magari, potreste ritrovare accanto a voi al momento del parto. E in quei momenti di dolore, avere accanto un volto familiare, che è anche una persona esperta e sa come aiutarvi, può dare molto sollievo. Non tutti gli ospedali, però, organizzano corsi pre parto. Ed allora ci si può rivolgere ai consultori o alle associazioni private che organizzano corsi di questo tipo per le future mamme.

I corsi preparto non sono tutti uguali. In genere ogni struttura li organizza in maniera diversa. Ci sono corsi che sono focalizzati principalmente sul benessere materno, sulla ginnastica dolce da fare negli ultimi mesi, sulle tecniche per affrontare il travaglio e sulle prime cure da dare al bambino, ed altri invece che offrono la possibilità di visitare la struttura ospedaliera e di parlare con gli specialisti dell’ospedale (ginecologo, anestesista e ostetriche) per conoscere gli aspetti più “tecnici” del parto. Inoltre alcuni corsi sono pensati per essere destinati ad entrambi i genitori, mentre altri sono esclusivamente per le mamme (e i papà magari sono invitati ad un solo incontro).

Gli argomenti da affrontare sono veramente tanti ed ogni struttura sceglie le tematiche a cui dare più spazio. Potrete quindi sentir parlare delle fasi del travaglio, dei diversi tipi di contrazioni ed i metodi per farsele venire, del parto e delle eventuali complicazioni, delle tecniche di respirazione per affrontare il travaglio, dell’episiotomia, dell’anestesia epidurale. Si potrà parlare della cura del bambino, dal cambio del pannolino al primo bagnetto, da come capire se ha mangiato abbastanzanza a come affrontare le coliche, dalla caduta del cordone ombelicale alle attenzioni di cui ha bisogno nei primi mesi.