treno-cina
Storie di vita

Sale sul treno e ritorna dopo 29 anni: la foto del commovente abbraccio con la madre

treno-cina

La storia che vi raccontiamo oggi ha davvero dell’incredibile. Perché racconta la storia di una madre che ha perso il proprio figlio durante un apparente gioco, e che per quasi 30 anni non ha più saputo nulla di lui. Fino a qualche giorno fa, quando il figlio si è ripresentato alla propria madre.

Leggi anche: Bimba disabile, le negano i lavori per un ascensore e vive rinchiusa in casa

Ma andiamo con ordine: 29 anni fa un bimbo di nome Lan Junjun salì sul treno per gioco, per non tornare mai più. Nonostante le ricerche della polizia, nessuno era riuscito a rintracciare il piccolo. Senza soldi e non sapendo a chi poter chiedere aiuto, il bimbo ha vagato per giorni per le strade di alcune città, fino a quando una famiglia scelse di prenderlo in adozione, cambiandogli il nome in Jiang Ming. Intanto gli anni passavano e il bambino cresceva nella sua nuova famiglia, dove è stato accolto con amore.

Quindi, all’età di 37 anni, quando erano passati ben 29 anni da quella separazione, l’uomo ha scelto di scrivere un messaggio sul sito della polizia, che non lasciava particolari dubbi sulla sua intenzione:

Oggi è la festa della mamma, e dopo aver letto i commenti di altri utenti online sulle loro madri, ho sentito quanto mi mancasse la mia. Vorrei chiedere alla polizia di aiutarmi a trovare mia madre con la quale sono stato separato da 29 anni. Il suo nome è Deng Shaoxiang.

Leggi anche: Russia, bambina muore per salvare il fratellino

La polizia si è dunque messa al lavoro e, attraverso un ex collega, è riuscito a rintracciare la madre. Quando gli agenti le hanno raccontato di essere entrata in contatto con un ragazzo che diceva di essere suo figlio, la donna, Deng, è scoppiata in lacrime. “Pensavo non avrei mai avuto la possibilità di rivedere mio figlio in questa vita” – ha detto, con Jiang che si giustificava dicendo di non aver mai voluto cercare la madre per paura di ferire i genitori adottivi.

Ecco la foto dello straordinario incontro:

trenoret2