nurofen1
Guide e Consigli Salute e benessere

Come usare il Nurofen sciroppo

nurofen1

Il Nurofen sciroppo può essere un farmaco molto utile per curare alcuni comuni malanni dei più piccoli. Medicinale di automedicazione, venduto senza ricetta medico, può essere utilizzato per poter contrastare sintomatologie di natura febbrile.

Naturalmente, come più volte abbiamo avuto modo di osservare sul nostro sito, il fatto che il Nurofen sciroppo sia un farmaco da banco non significa che debba essere utilizzato senza cautele, che devono invece sempre essere assunte in caso di medicine di qualsiasi tipo. E, dunque, anche nei confronti del Nurofen: in particolare, è bene che l’utilizzo e il dosaggio siano sempre supervisionati da un medico, e che i genitori leggano sempre il foglietto illustrativo nelle ipotesi in cui non sia possibile consultare il proprio medico.

mamma-telefono-bambino-febbre_600x398

Leggi anche: Seki sciroppo, indicazioni per l’uso

Pertanto, alla luce di quanto abbiamo sopra introdotto, giova rassicurare i genitori su alcuni dei timori più superficiali, ricordando che se assunto correttamente e dietro precise indicazioni mediche, il Nurofen sciroppo non è pericoloso.

Ma perchè, nonostante questo, sul web si trovano numerosi allarmismi rispetto al Nurofen?

In realtà gli allarmismi nascono da un equivoco che ha generato molta confusione e paura tra i genitori. Di fatti, a fine 2014 è stato immesso sul mercato un nuovo formato dello sciroppo. Attenzione, però: la composizione del farmaco non è affatto cambiata, mentre ad essere variato è il formato, che prevede un dosaggio diverso rispetto a quello che era presente in precedenza.

Leggi anche: Lisomucil bambini, caratteristiche e modalità di utilizzo

Hand giving baby medicine

In particolare, mentre prima il Nurofen sciroppo era venduto in una confezione con dosaggio di 100 mg / 5 mgl, dalla fine del 2014 si trova in commercio il farmaco con dosaggio doppio di 200 mg / 5 ml, ovvero, con una concentrazione doppia.

Quanto sopra conduce a una conseguenza ben prevedibile: essendo cambiato il dosaggio, con raddoppio dello stesso, se si acquista un Nurofen da 200 invece che da 100, sarà sufficiente dimezzare le dosi. Nel foglietto informativo naturalmente il tutto è ben dettagliato, ma spesso anche i genitori più attenti si dimenticano di leggere attentamente il “bugiardino”, nella convinzione di “sapere tutto” sul farmaco che daranno al bimbo.

Il consiglio che sentiamo di darvi è pertanto piuttosto semplice: guardate il formato scritto sulla confezione e regolatevi di conseguenza per il dosaggio, parlandone naturalmente con il proprio pediatra, con il quale condividere anche i motivi dell’assunzione, le intolleranze, le patologie di base o le eventuali controindicazioni.