bambini dormono
Bambino Domande e risposte

Nanna dei bambini: meglio il lettone o la propria stanza?

bambini dormono

L’eterno dilemma che affligge i genitori durante le prime fasi di crescita del proprio bimbo, è se sia meglio far dormire i bebè nella propria stanza, o se invece sia più opportuno cercare di farli dormire nel lettone, insieme a mamma e papà. Ma quale è la soluzione migliore? È bene fare in modo che il bimbo dorma effettivamente da solo e impari a cavarsela il prima possibile, o accompagnarlo dolcemente nel lettone?

dormire-lettone-1

In linea di massima, non vi è una risposta univoca, considerato che è impossibile generalizzare. Ci sono infatti alcune situazioni in cui il sonno condiviso è da evitare per motivi di sicurezza (si pensi all’ipotesi in cui il papà o la mamma abbiamo l’abitudine di fumare, o ancora all’ipotesi di assunzione di farmaci che abbassino la capacità di allerta e di vigilanza, e così via). Vi sono tuttavia altre situazioni in cui dormire nel lettone è addirittura consigliabile. Di norma, in questi casi, per un “lattante” dormire nel proprio lettino / carrozzina di fianco al lettone dei genitori, potrebbe essere la giusta soluzione.

Leggi anche: Dormire con il bambino nel lettone, un’impresa quasi impossibile

dormire-lettone-2

Se invece non vi sono specifici fattori di rischio, dormire tutti insieme non è affatto una cattiva abitudine: gli esperti da anni sfatano i falsi miti del co-sleeping, elementi di negatività apparente (come il presunto rallentamento dell’autonomia, la comparsa di problemi di sonno, e così via), che tuttavia sono stati ampiamente smentiti.

Insomma, se il bimbo è piccolo e, soprattutto, se ha meno di un anno, dormire nel lettone non è detto che sia la soluzione sbagliata. Cercate naturalmente di seguire il comportamento del bimbo, e comprendere se lamenti o soffra eccessivamente il distacco nel dormire nella culla o nella carrozzina, pur vicino al lettone. Se i lamenti e i piagnistei sono troppo evidenti, cercate comunque di fare in modo di rassicurarlo, cullandolo o cantando ninna – nanna tutte le volte che si sveglia e, con pazienza, accompagnarlo dolcemente al sonno.

dormire-lettone-3

Leggi anche: Coccole del papà, ecco perché sono indispensabili

Naturalmente, con il passare dei mesi cercate di essere sempre meno “indulgenti”, pur senza sfociare nella rudezza. Evitate pertanto di correre non appena inizia a piangere, e “resistere” se il suo sguardo si fa particolarmente triste o sofferente. Abituatelo gradualmente, facendo sempre e comunque sentire la vostra presenza. Se la paura di dormire da solo è associata anche alla paura del buio, aiutatevi con delle luci da camera, da attaccare nella presa della corrente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *