genitori-perfetti
Guide e Consigli

“La mamma perfetta deve seguire 7 regole”. Ecco in uno studio, i consigli dell’Università di Harvard

 

Il genitore perfetto non esiste: se pensiamo ai nostri vediamo quanti errori abbiano commesso in buona fede. Eppure l’Università di Harvard tenta il colpo gobbo di illustrare in 7 regole le istruzioni per crescere bambini autonomi, rispettosi e dotati di solidi valori etici. Regole di comportamento non solo per i figli, ma anche per noi mamme. / punti fondamentali che dovrebbero orientare gli sforzi di noi genitori

(Continua dopo la foto)

mamma-giovane-625x350

1.Trascorrere tempo di qualità ed esclusivo con i bambini Dovrebbe essere anche un nostro piacere, quello di trascorrere del tempo con ciascuno dei nostri figli, separatamente. del tempo di qualità, senza sguardi al cellulare, senza il solito “sbrigati”. Certo, il tempo delle mamme è sempre poco, pochissimo, ma ciò che asseriscono i ricercatori di Harvard è necessario intrattenere con loro una conversazione significativa;

2.Essere un modello: state sicure che non passa nessun insegnamento che “predicate bene e razzolate male” È nostro dovere mostrare ai bambini che sappiamo chiedere scusa quando sbagliamo, che ci impegniamo a risolvere i problemi anziché piangerci addosso o dare la colpa a qualcun altro, che non abbiamo paura di chiedere aiuto a persone fidate in caso di bisogno;

genitori-e-figli

genitori-figli

 

3. Dare responsabilità e quindi fiducia Appena possibile, è bene responsabilizzare i bambini e dare loro incarichi di fiducia. E’ importante far recepire ai nostri bambini che essere parte di una comunità, o di una squadra, significa che ognuno porti a termine la propria parte per il bene comune;

4. Guardare oltre è bene spingerli anche a vedere al di là del proprio naso, spiegandogli quantomeno l’esistenza di milioni e milioni di persone che vivono in modo molto diverso e che, in tanti casi, devono affrontare sfide più dure fin dalla tenera età;

5. Diamo sempre ai nostri bambini la possibilità di parlare apertamente di qualunque cosa;

6.Secondo lo studio, sempre nell’ottica di dare il buon esempio, è importante focalizzarsi sul rispetto per gli altri, non solo a casa ma anche a scuola o durante la vita sociale;

7. Emozioni e reazioni Il primo passo è aiutarlo ad identificare con più precisione i suoi sentimenti: rabbia, paura, frustrazione? Cosa si può fare per riprendere il controllo? Insomma, uno sfogo può essere salutare, ma sviluppare una certa capacità di autocontrollo lo è altrettanto.