bimbi-prematuri-1
Bambino

Bambino nasce prematuro e… attende il suo gemello!

bimbi-prematuri-1

La storia che vogliamo presentarvi oggi è molto particolare e piuttosto commovente. Parla infatti della straordinaria voglia di vivere di un bebè nato prematuro, e della sua voglia di avere vicino il fratellino. Ma cosa è accaduto?

Una donna di nome Holli Gorveat, a sole 23 settimane di gravidanza ha dato alla luce il piccolo Link, un bimbo prematuro che al momento del parto pesava solamente 500 grammi. In tali condizioni, Link aveva solo il 10% di possibilità di sopravvivere e, ulteriormente, una caratteristica molto particolare: Link aveva infatti un gemello che ha preferito rimanere all’interno del grembo materno.

Leggi anche: Prevenire un parto prematuro con un semplice test

bimbi-prematuri-2

I medici compresero esattamente cosa stava accadendo. L’avvenimento è infatti legato alla c.d. “Sindrome gemello a gemello“, in cui i feti in via di sviluppo hanno la possibilità di condividere la placenta, e uno di essi succhia il sangue dall’altro, lasciandone uno gonfio e l’altro debole. Una sindrome terribile, che nel 90% dei casi è fatale per i bimbi.

Alla settimana n. 21 di gravidanza, i neonati nel grembe materno hanno dunque dovuto sopportare un’operazione per dividere la placenta. La pressione esercitata alla cervice della donna ha però condotto delle complicazioni nel sacco amniotico.

Leggi anche: Bimbo nasce prematuro, papà suona per lui

bimbo prematuro

Dunque, quando è nato il piccolo Link, il chirurgo è riuscito a chiudere la cervice della mamma per poter tenere l’altro gemello al sicuro. Link è dunque nato estremamente prematuro, con piccole dimensioni che potrebbero portarlo a morte: oggi il neonato è alimentato artificialmente, e le sue condizioni sono talmente delicate che i genitori non sono nemmeno in grado di poterlo toccare, tranne una piccola manina mediante l’incubatrice.

Ora il piccolo continua a lottare, nella speranza di potersi riconciungere con il gemello, che dovrebbe nascere il prossimo mese di gennaio con una gravidanza condotta regolarmente a termine.