MADELEINE
Storie di vita

Baby sitter uccide bimba e gioca al computer prima di chiamare i soccorsi

MADELEINE

La vicenda della quale vogliamo informarvi oggi è di cinque anni fa ma – complice anche una lunga vicenda giudiziaria – nessuno sembra essersi dimenticato della sua povera e piccola vittima.

La storia della quale vi parliamo è quella che vede Sheila Polanski, una baby sitter, ritenuta colpevole per aver ucciso una bimba di soli due anni, Madeline McHenry, il 5 luglio 2010, dopo averla scossa con grande impeto e averla gettata sul pavimento, dove è rimasta in agonia per diverse ore, prima che la baby sitter si decidesse a chiamare le forze dell’ordine e i soccorsi.

Leggi anche: Medico non riesce a salvare il paziente e reagisce in modo disperato

Quando il soccorso è giunto, per Madeline era tropo tarti. La bimba è stata infatti condotta in ospedale dove, nonostante i tentativi per salvarla dalla morte, è deceduta dopo due giorni. Dopo aver accertato i fatti, la baby sitter è stata giudicata colpevole di omicidio colposo aggravato con una pena di 12 anni.

MADELEINE3

Come se quanto sopra non fosse già sufficiente per tingere una vicenda di colori piuttosto foschi, è emerso che la baby sitter, dopo aver ucciso la bimba, sarebbe rimasta per oltre due ore a giocare con alcune applicazioni della propria pagina Facebook. Una situazione drammatica, che ha dell’incredibile, e che sembra essere determinata dal comportamento della piccola che, secondo quanto ha ammesso la baby sitter in aula del Tribunale, non la “smetteva di piagnucolare“.

Leggi anche: Bimba nasce dalla madre morta… che resuscita pochi minuti dopo!

Dunque, la baby sitter si era innervosita perchè il “rumore” creato dalla bimba impediva lei di giocare tranquillamente online. Sheila ha arricchito la propria testimonianza ricordando di essere sotto pressione, e di essere stata turbata dalla notizia di sfratto che le era stato notificato, e che non riuscite a gestire la situazione.