santa-claus
Natale

I regali a Natale? Cari genitori sappiate che non bastano a riparare gli errori

 

Vanno fatti i regali ai nostri figli visto che hanno già tutto?Anche gli psicologi dicono di sì, ma attenti genitori, perché donare non ripara ad alcun errore. A mettere in evidenza il vero senso dei regali natalizi per i più piccoli. Il regalo ha significati diversi per il bambino che lo riceve e per il genitore che lo dona. I regali natalizi per i figli devono essere atti incondizionati di amore. I regali non riparano errori, non compensano vuoti. Il dono, quello vero, deve essere legato all’istintivo desiderio di condividere con il vostro bambino la gioia di appartenersi. Sorprenderli, regalare loro il loro desiderio più forte, ammesso che non li abbiamo esauditi tutti prima – e non si fa. E non è detto nemmeno che due o più regali facciano male: Natale è il momento dell’amore e dello scambio.

(continua dopo la foto)

santa
Secondo la neuropsichiatra infantile “il dono va offerto e non strumentalizzato per condurre messaggi educativi, per punire o premiare. E’ fondamentale ricordare che l’amore che un bimbo sente di ricevere con un dono è proporzionale a come un genitore si rende disponibile all’ascolto dei suoi bisogni, dubbi e resistenze e alla pazienza che gli dedichiamo per aiutarlo a comprendere i nostri ‘sì’ e i nostri ‘no’ e non alla quantità o grandezza degli oggetti donati”.

mamma-natalenatale-bambini
Il punto, spiega, è che “oggi purtroppo si fanno regali e non doni e questi regali sono funzionali solo ai genitori che regalando oggetti ai loro figli colmano i sensi di colpa, colmano l’assenza di parole e la difficoltà di utilizzare il tempo per vivere con i figli e non per loro. Colmano l’incapacità di essere genitori autorevoli. Questo tipo di regali non sono un mezzo di condivisione – conclude – ma solo uno strumento di compenso che non svilupperà in modo sano il mondo emozionale del bambino”.