ragazze
Salute e benessere

Domande sul sesso, le ragazze preferiscono Google alla propria madre

ragazze

Un tempo non troppo lontano le ragazze si confrontavano con la propria madre per questioni legate al sesso e ai rapporti più intimi. I tempi sono tuttavia cambiati, e stando a quanto afferma una recente analisi, le giovani preferiscono ricercare informazioni su pubertà, sesso e altri temi delicati direttamente su Internet. Con tutti i rischi che ne conseguono.

Secondo quanto afferma l’analisi – compiuta sul territorio americano, ma i cui contorni sembrano essere ben replicabili anche da noi – ben l’84% delle giovani si rivolge alla retep er informazioni e chiarimenti in tema di sesso e salute. Pertanto, si naviga – spesso e volentieri – proprio per conoscere meglio argomenti molto delicati, ma il più delle volte lo si fa da soli, anche virtualmente: ben l’88% degli utenti afferma infatti di non sentirsi a proprio agio nel condividere i propri problemi di salute con gli amici dei social network.

Leggi anche: Sesso a colazione, collegati a vicenda

Secondo quanto dichiara la ricerca condotta da un team di studiosi della Northwester University, inoltre, quasi un terzo delle adolescenti intervistate ha dichiarato che le informazioni lette online hanno condotto a cambiamenti di comportamento, mentre un’adolescente su cinque ha scaricato app sulla salute sul proprio telefono.

“Abbiamo trovato delle vere sorprese quanto a ciò che i ragazzi fanno sul web quando si tratta della loro salute” – ha dichiarato Ellen Wartella, primo autrice dello studio – “Sentiamo spesso delle molte cose negative che fanno i ragazzi on-line, ma ora sappiamo che utilizzano Internet anche per prendersi cura di se stessi e di chi è loro vicino. Il nuovo studio sottolinea quanto sia importante assicurarsi che le informazioni a disposizione dei ragazzi siano accurate, adeguate e facilmente accessibili, perché le usano e le mettono in pratica“.

Leggi anche: Sesso in estate, alcuni consigli per combattere la calura

Lo studio è stato condotto su un campione di oltre 1.100 adolescenti americani tra i 13 e i 18 anni.