lisaparkinsson9
Notizie Storie di vita

Figlia muore dopo il parto cesareo, il padre viene licenziato

lisaparkinsson9

È particolarmente triste la storia nella quale ci siamo imbattuti oggi. Una storia che parla della necessità di elaborare un lutto della persona più cara, una figlia in giovane età, e di ciò che può conseguire nei mesi successivi, con la difficoltà di tornare alla vita di “tutti i giorni” e con la consapevolezza che la vita non sarà più come quella di “tutti i giorni”.

Leggi anche: Bambino di 15 mesi muore incastrato nel seggiolone

La storia che vogliamo condividere con voi riguarda Lisa, e suo padre Robert. Lisa è una giovane donna di 35 anni morta lo scorso anno per aver dato alla luce suo figlio Zac con parto cesareo. Una morte ancora avvolta in parziale mistero, tanto che sono in corso alcune indagini e alcuni rilievi per comprendere quali siano state le cause che hanno condotto Lisa a una triste fine, avvenuta il giorno dopo il parto.

Eppure, le tragedie non arrivano mai da sole. Per questa morte così assurda e difficilmente spiegabile, infatti, il padre di Lisa, Robert, i 62 anni, ha dovuto attraversare un periodo estremamente arduo. Ogni settimana Robert e sua madre veniva contattati per aggiornamenti sul caso. E ogni volta era una ferita riaperta.

Robert-Parkisson

L’ultima evoluzione è di qualche giorno fa. Robert, conducente di autobus, si è infatti visto recapitare un preavviso di 90 giorni per il suo licenziamento. Di fatti, anche se Robert ha preso un congedo per cercare di superare la parte più difficile successiva alla morte della figlia, come previsto dal suo contratto di lavoro, ha dovuto purtroppo affrontare una fase di depressione per gli eventi accaduti, e sebbene abbia certificato la sua condizione, non è stato nelle condizioni di fornire una data precisa per il suo rientro. Dunque, è stato licenziato.

Leggi anche: Quello che pensate prima di diventare madri (e non sempre è vero!)

Robert continua a manifestare la sua fede, ricordando di non essere purtroppo in grado di riprendere il suo lavoro. Forse ha bisogno di un pò più di tempo, ma l’azienda – che pur conosce Robert da oltre dieci anni – non ha pazienza. Di qui la decisione di inviare la lettera con il preavviso di licenziamento. Un licenziamento legittimo, con l’azienda che afferma di essersi limitata ad applicare il regolamento. Un regolamento freddo, rigido, rigoroso, che non tiene conto della necessità di un padre di dover assimilare il gravissimo lutto, e che tra qualche settimana porrà fine al rapporto di lavoro di Robert.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *