regole papa
Papà

10 regole per diventare un buon papà!

regole papa

Diventare un buon papà è un’impresa davvero molto difficile. Bisogna essere contemporaneamente un buon custode, un consigliere, un supporto, un amico, un fratello, un marito e tanto altro ancora. Il tutto, ogni giorno, per tutti i giorni, senza avere gravi cedimenti e senza rimorsi e rimpianti. Insomma, un disastro!

Tuttavia, pur nella consapevolezza che ognuno debba trovare il suo equilibrio, è possibile cercare di suggerire 10 consigli utili per poter diventare un buon padre di famiglia. Ecco quali sono!

buon-papa-1

Non sottovalutate il cuore

Il cuore saprà indicarvi la giusta strada. L’amore che proverete verso vostro figlio sarà certamente una buona guida ispiratrice per poter cercare di ottenere i migliori risultati educativi. Ricordate inoltre che cuore e cervello non viaggiano necessariamente su strade divergenti: cercate di sfruttarli entrambi, trovando il giusto mix!

buon-papa-2

Insegnate il rispetto

Il rispetto degli altri esseri umani è certamente uno dei prioritari valori da insegnare ai propri figli. Provate a cominciare per il pieno rispetto della madre, e siamo sicuri che vostro figlio potrà valutare positivamente questo esempio, replicandolo anche nei confronti degli altri esseri umani.

Leggi anche: Mamma e papà, 30 appuntamenti per riscoprire il piacere di coppia

Nessun padre – padrone

Un padre non è un padrone. Pur nel rispetto dei ruoli, è bene che in famiglia si instaurino dei rapporti di reciproco affetto in cui ciascuno possa avere il giusto spazio per dimostrare di essere se stesso.

Siate apeti al dialogo

Il dialogo è lo strumento migliore per cercare di arrivare a un buon risultato educativo. Fate pertanto del dialogo il primario canale di comunicazione e confronto quotidiano, ritagliandovi sempre dell’opportuno spazio.

buon-papa-3

Mettete i figli in cima alla lista

Nella vita di tutti i giorni tutti gli uomini sono stritolati dalla morsa delle responsabilità: lavoro, successo, denaro, preoccupazioni varie. Tuttavia, guai a far scivolare i figli giù della lista delle priorità: la prole viene prima di tutto. Ricordatelo ogni giorno, facendone un vero e proprio mantra!

L’esempio più della parola

Qualcuno disse che la parola convince, ma è l’esempio che trascina. Ecco, da buoni padri di famiglia fate in modo di diventare dei validi esempi per i propri figli.

Credete nei vostri figli

Cercate di dimostrare a vostrso figlio la vostra voglia di credere in lui, appoggiarlo, seguirlo, supportarlo. Tuttavia, evitate di interferire troppo nella sua vita e, di contro, fate in modo che possa compiere da solo delle piccole e grandi scelte. In tal modo riuscirà certamente a sviluppare le proprie autonomie.

Leggi anche: Festa del papà, come festeggiarla con il proprio bimbo

CUR-10jm0035rm

Siate complici (ma non troppo!)

Essere un buon papà significa anche essere dei complici con vostro figlio. Cercate di condividere – pur senza esagerare – piccoli e grandi momenti di vita. Siate complici e amici, ma non dimenticate di essere, prima di tutto, padri.

Donate tempo e divertimento

Anche se può essere difficile cercare di trovare del tempo utile, tutti i giorni, da destinare ai vostri figli, non dimenticate di ritagliarvi il giusto momento per divertirvi con lui. Saranno i migliori momenti della vostra vita.

Non esiste un modello perfetto

Infine, ricordate che non esiste un modello perfetto. Pertanto, non impegnatevi a inseguire necessariamente un modello ipotetico e utopistico di “bravo papà”. Cercate di svilupparlo internamente, e personalizzatelo su di voi, e sui vostri cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *