vaccini_bimbi_m5s
In rilievo

Vaccini obbligatori per l’ammissione a scuola: a settembre basterà mostrare autocertificazione o prenotazione all’Asl

 

Già eravamo tutte in pensiero: come avremmo fatto, entro settembre, ad assicurare alla scuola 12 vaccini? Mica se ne può fare una scorpacciata, pur di farli rientrare a scuola! e le dosi che mancano? Parliamone! Bisogna prendere con largo anticipo l’appuntamento per alcuni di essi e non avremmo mai fatto in tempo per l’inizio del nuovo anno scolastico, quando cioè i bambini non saranno ammessi a scuola se non dimostreranno di avere le 12 vaccinazioni diventate obbligatorie (Continua dopo la foto)

vaccini

Basterà anche sventolare la prenotazione alla Asl della vaccinazione o una semplice autocertificazione per iscrivere minori da 0 a 16 a scuola ed evitare le super multe. Le novità per rendere meno traumatico l’avvio dell’operazione vaccini è nel testo finale del decreto che, a ben 19 giorni da varo da parte del Governo, approda oggi in Gazzetta Ufficiale dopo la firma del Presidente della Repubblica Mattarella (Continua dopo le foto).

vaccinobambini

vaccini3

Confermate le 12 vaccinazioni obbligatorie contro: poliomelite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, haemophilius influenzae B, meningococco B, morbillo, rosolia, parotite e varicella. Senza queste immunizzazioni non si entra nelle scuole materne e all’asilo, mentre alle elementari e nei due anni delle superiori l’iscrizione non sarà preclusa ma i genitori refrattari a vaccinare i figli rischieranno super multe da 500 a 7.500 euro. Esonerati dall’obbligo sono i bambini che hanno già contratto la malattia, previa notifica del medico curante e quelli che corrono accertati pericoli per la salute, «in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, accertate dal medico di medicina generale o dal pediatra». Le scuole dovranno comunque obbligatoriamente inserire i minori non vaccinabili in classi ad immunizzazione totale. Entro il 10 settembre i dirigenti scolastici dovranno richiedere ai genitori la documentazione delle avvenute vaccinazioni. A regime, trascorsi altri dieci giorni, i presidi allerteranno le Asl che avvieranno l’iter di sanzioni e segnalazioni. Compresa quella al Tribunale dei minorenni «per gli eventuali adempimenti di competenza», che potrebbero includere la revoca della potestà genitoriale.