cop
Notizie

“Un fatto gravissimo”. Era in braccio alla madre quando una macchia di sangue è apparsa sulla sua schiena: ora la bimba di un anno è in ospedale. Cosa è successo a Roma

I familiari hanno raccontato che la bambina era in braccio alla madre in strada, su via Palmiro Togliatti, quando la donna si è accorta che le usciva sangue dalla schiena. Ferita alla schiena probabilmente da un colpo di pistola ad aria compressa, mentre era in braccio alla mamma. Martedì intorno alle 14 una bimba rom di un anno è stata colpita senza scrupoli. La piccola è stata portata all’ospedale Pertini e poi trasferita al Bambino Gesù e sottoposta a un intervento chirurgico durante il quale le hanno estratto un piccolo corpo estraneo metallico molto simile a un piombino di una pistola ad aria compressa. È ora ricoverata in prognosi riservata e le sue condizioni sono gravi. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri della compagnia Casilina e della stazione Alessandrina. Gli investigatori hanno ascoltato alcuni familiari e stanno effettuando accertamenti. (Continua dopo la foto)

cop

“Non so chi è stato” avrebbe detto la donna a chi ha avuto modo di parlare con lei. Dopo l’accaduto i nomadi della Capitale assicurano che non abbasseranno la guardia. “Non sappiamo ancora se sia o no un atto razzista, ma da oggi noi non abbasseremo la guardia né getteremo la nostra dignità a costo di organizzare delle vedette cittadine, sia per la sicurezza del nostro popolo sia per quella di tutti i cittadini”, ha sottolineato Najo Adzovic, presidente dell’Associazione Nuova Vita ed ex delegato ai rom dell’amministrazione Alemanno, che stamattina ha incontrato personalmente il padre della bimba. (Continua dopo le foto)

dentro dentro1 dentro2

Ma l’allarme per un possibile gesto razzista cresce. Molte le sollecitazioni a chiarire, come quella del governatore del Lazio Nicola Zingaretti che auspica “sia fatta al più presto chiarezza e che venga quanto prima assicurato alla giustizia il responsabile di questo ignobile gesto”. Sulla vicenda è intervenuta la sindaca Virginia Raggi che facendo alla bambina gli auguri “di pronta guarigione”, ha detto di auspicare “che gli inquirenti facciano presto chiarezza sulla dinamica dell’accaduto”.