coppiacop
Storie di vita

Un amore senza fine: insieme per 71 anni, marito e moglie muoiono lo stesso giorno tenendosi per mano. Si erano conosciuti durante un appuntamento al buio

 

Si erano conosciuti a un appuntamento al buio e da allora non si sono più lasciati. Fino alla fine. Sono infatti morti nello stesso giorno, mano nella mano, Isabell Whitney e Preble Staver, di Norfolk, Virginia. Cinque figli, uno morto prematuramente, erano stati trasferiti in una struttura per anziani dove erano stati costretti a vivere in stanze separate. Ma non al momento della fine: l’ultimo giorno l’hanno passato insieme. E sono morti stringendosi le mani. La figlia Laurie racconta: “Mia madre è stata portata a far visita a papà per il suo 96° compleanno il 17 ottobre. All’improvviso ho sentito questa piccola voce flebile, era mamma che nonostante la demenza cantava Happy Birthday a papà. A quel punto sono sembrati più calmi e più tranquilli e così so rimasti fino al 25 ottobre quando sono morti a 95 e 96 anni. (Continua dopo la foto)

coppiadentroLa commovente storia di un’anziana coppia di coniugi statunitensi sta facendo il giro del mondo. Dopo essere stati separati dalla Seconda guerra Mondiale, durante la quale lui ha servito nei Marines e lei come infermiera in Marina, Isabell Whitney e Preble Staver si sono sposati nel ’46. Durante la loro vita hanno avuto come detto cinque figli, tanta felicità e anche momenti di dolore come la morte prematura di un figlio, deceduto a seguito di un brutto incidente durante una partita di football al liceo, ma hanno attraversato ogni momento sempre insieme e superato tutto dandosi forza l’uno con l’altra. (Continua dopo le foto)

coppiadentro1

isabell-and-preble-worlds-fair-ny

Uniti hanno anche affrontato i primi sintomi della vecchiaia e poi la malattia di lei con la demenza che l’ha colpita negli ultimi anni. E ancora insieme si sono trasferiti in una struttura per anziani dove però la malattia, col passare degli tempo, li ha costretti a vivere in stanze separate nell’ultimissimo periodo. Quando i medici e familiari hanno capito però che la loro ora era vicina li hanno rimessi uno vicino all’altro e così insieme, mano nella mano, sono morti a poche ore di distanza l’uno dall’altra nello stesso giorno.