chirurgia-adolescenti
Donna

Ritocchino estetico: cresce il numero degli adolescenti che lo fa con il sostegno dei genitori

chirurgia-adolescenti

Secondo quanto afferma una ricerca condotta in collaborazione con l’Università Magna Grecia di Catanzaro, e recentemente diramata all’interno del congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica, oggi i ritocchini estetici vengono sempre più richiesti adolescenti, eventualmente desiderosi di emulare i modelli imposti loro dalla società. E nel 12,6% dei casi, afferma la ricerca, il suggerimento di ricorrere a un intervento estetico arriva proprio dai genitori.

In particolare, nella ricerca sarebbe emerso come il 49,2% degli adolescenti oggetto di studio (un campione di oltre 2.000 ragazzi tra i 13 e i 18 anni) ha dichiarato di essere pronto a ricorrere alla medicina estetica, ma solamente il 31,1% di loro era pronto per farsi operare.

La chirurgia estetica è tuttavia tutt’altro che una mera ipotesi valutativa, considerato che ben il 15,8% delle ragazze e il 3,3% dei ragazzi vi aveva già fatto ricorso, per problemi che andavano dalle smagliature all’acne, dalla cellulite al naso non proprio lineare.

Leggi anche: Le donne con il seno rifatto hanno maggiori rapporti sessuali

Ad ogni modo, quello che forse emerge di più dalla ricerca in termini sensazionalistici, è il fatto che i genitori – invece di proteggere i ragazzi da teli interventi e di spiegare loro l’importanza dell’essere, piuttosto che dell’apparire – li supportano e li incoraggiano a cambiare l’estetica attraverso la medicina. Insomma, sempre più spesso sono gli stessi genitori a suggerire l’opportunità di fare qualcosa. E d’altra parte, se prima si ricorreva al chirurgo estetico con un pò di vergogna o timidezza, oggi il tutto è effettuato con la massima naturalezza, e sono i genitori stessi a fare il ricorso a questo tipo di pratiche (fino al 15% dei casi).

Una ricerca che continua a far discutere, e che a quanto pare non ha ancora esaurito le sue sfere di valutazione. E voi che ne pensate?

via: www.inran.it