bimbocop
Bambino

Ricordate questo bambino prodigio? A 4 anni Harvey Stephens era diventato famoso per aver interpretato lo spaventoso ruolo di Damien Thorn. E ora torna a far parlare di sè

 

Diventato famoso all’età di 4 anni per un cult horror, ora torna a far parlare di sé – a 40 anni di distanza – per quello che ha combinato. Harvey Stephens, noto al pubblico mondiale per lo spaventoso ruolo di Damien Thorn, l’anticristo de Il presagio (The Omen) di Richard Donner, è stato arrestato per aver investito due poveri ciclisti fermi sul ciglio della strada, per poi assalirli fisicamente. L’episodio risale all’estate scorsa ma il processo si è concluso pochi giorni fa. Ironia della sorte, di venerdì 13. Stephens è stato condannato a 14 mesi di galera. Donner, poco dopo l’uscita di The Omen in sala, confessò di aver scelto proprio Harvey Stephens dopo che quest’ultimo, al termine del provino, lo prese improvvisamente a calci nelle parti basse. Come spesso accade con i bimbi prodigio, la carriera di Stephens non è mai davvero decollata. Risale a 11 anni fa il remake del cult horror, diretto da John Moore ed interpretato da Liev Schreiber, Julia Stiles e David Thewlis. (Continua dopo la foto)

bimbodentroInsomma, un’altra baby star della Hollywood anni ’70-’80 è finita qualche mese fa sulla lunga lista di attori o attrici che crescendo hanno intrapreso una stradafatta di abusi di droga o alcool e viaggi avanti e indietro dalla prigione. Ultimo in ordine di tempo proprio l’attore che, ancora bambino, nel 1976 ha interpretato Damien Thorn. Classe 1970, Stephens è stato arrestato e incarcerato per aver provocato un incidente stradale e aver assalito violentemente alcune persone coinvolte nel sinistro.

(Continua dopo le foto)

bimbodentro2

bimbodentro1

Secondo quanto riportato dalle autorità, l’ex bambino prodigio avrebbe colpito gli uomini mentre si trovavano sul ciglio della strada, per poi fermarsi ed aggredirli fino a portare allo svenimento uno dei malcapitati. L’incidente sarebbe avvenuto in piena estate, esattamente il 21 agosto 2016, ma il processo si è finito proprio venerdì 13 con la sua condanna.