annacop
Gossip

Pensa di avere il microfono spento e invece si sente tutto. “Sono incinta”, confessa a Barbara D’Urso: grande gioia per Annalisa Minetti

 

L’indizio è arrivato da una confessione fatta a bassa voce a Barbara d’Urso durante l’ultima puntata di “Domenica Live”. L’ospite era convinta di avere il microfono spento e che quindi nessuno l’avrebbe sentita e invece così non è stato. Quella confessione ha subito sollevato un felice brusio nello studio. “Sono incinta” ha ammesso Annalisa Minetti a Barbara D’Urso. La cantante aspetterebbe quindi il secondo figlio. Il siparietto è avvenuto al momento del suo ingresso in studio accanto al marito Michele Panzarin, in occasione dell’ospitata organizzata per la presentazione del suo libro “Io rinasco”. Barbara ha provato subito a mettere una toppa: “Mi ha raccontato un segreto e il mio microfono era acceso. Spero non si sia sentito”.
La MInetti, come detto, ha già un altro figlio: si tratta del piccolo Fabio, nato dall’amore della cantante per l’ex marito Gennaro Esposito, dunque, potrebbe avere presto un fratellino (o una sorellina). La cantante, durante l’intervista alla D’Urso, ha raccontato la sua rinascita. (Continua dopo la foto)


annadentro1Una rinascita avvenuta grazie all’incontro con Michele Panzarin, il suo fisioterapista che ora è diventato suo marito. ui rappresenta molto per Annalisa in quanto l’ha aiutata nei momenti difficili e non solo quando si è trovata a combattere una brutta tendinite ma l’ha fatta tornare a sorridere anche dopo il momento buio vissuto a seguito della fine del suo primo matrimonio, quello con Gennaro Esposito. (Continua dopo le foto)

annadentri

annadentro2

Dunque la cantante ha parlato del figlio, Fabio, di otto anni, e della lotta che ha dovuto affrontare per averne l’affidamento. “È difficile sentirsi dire che la cecità è un pericolo per tuo figlio”, spiega. E insomma, a causa dell’handicap, ha rischiato di perdere il piccolino avuto con l’ex marito, Gennaro Esposito. La Minetti ha raccontato di aver rischiato di perderlo perché i non vedenti spesso vengono ritenuti persone non autonome.