cop
Gravidanza

Parlare al bimbo nel pancione? Ecco cosa dovete sapere: la ricerca lo svela per la prima volta

 

Mamme, vi siete illuse: non è servito a nulla! Cantargli una ninna nanna, fargli sentire la voce della mamma e del papà, raccontargli una fiaba. Si pensa che tutto questo possa ‘preparare’ il futuro bebè al mondo esterno. Ma secondo una nuova ricerca, parlare al piccolo quando è ancora nell’utero materno sembrerebbe un falso mito, perché i feti riescono a malapena a sentire il rumore che proviene dall’esterno. Lo studio è stato condotto da Marisa Lopez-Teijón e dalla sua equipe di Institut Marquès ed è stato presentato presso l’Istituto Karolinska e l’Università di Stoccolma. Come riporta Adnkronos, l’osservazione, condotta su pazienti tra la 14ª e la 39ª settimana di gestazione, ha messo in evidenza che affinché il feto percepisca con la massima intensità il suono è necessario usare uno specifico dispositivo per trasmettere musica per via intravaginale. (Continua dopo la foto)

dentro1

In questo caso, il team di ricercatori ha osservato attraverso ecografia la reazione del feto nell’ascoltare la musica emessa per via addominale e vaginale: l’87% dei feti ha reagito con movimenti della testa e degli arti, della bocca e della lingua, gesti che cessano quando smettono di sentire la musica. (Continua dopo le foto)

dentro dentro2

Inoltre, con la musica trasmessa per via vaginale, circa il 50% dei feti ha reagito con un movimento sorprendente, aprendo moltissimo le mascelle e tirando fuori completamente la lingua. Sistemando, invece, delle cuffie che emettono musica con un volume medio di 98,6 decibel sull’addome della donna in attesa non sono stati osservati cambiamenti nelle espressioni facciali del feto.