liam
Senza categoria

Orrore nell’orrore: collezionava video di abusi su minori, si fingeva un poliziotto anti pedofili

 

Sembra lui stesso un bambino: Liam Shorter, 22 anni ha riferito alla Polizia che il suo intento era quello di dare la caccia on line ai pedofili, un sorvegliante del web a difesa dei bambini, viste le sue competenze informatiche. Peccato che durante la sua ricerca on line di immagini scabrose su minori non abbia mai fatto nulla per mettersi in contatto con la Polizia. Con la scusa di denunciare i pedofili, la polizia ha trovato decine di video di abusi su minori.

(Continua dopo la foto)

 

liam2

In seguito ha ammesso di avere un interesse sessuale nei bambini. E ‘stato arrestato quando gli ufficiali hanno fatto irruzione nella sua casa Otford, Kent, nel mese di luglio e hanno trovato un computer portatile e tablet contenente 55 fotografie e 38 video di abusi sessuali su minori e immagini di sesso con animali. Dopo la sua ammissione di colpa, quando il giudice gli ha chiesto quali immagini cercasse di avere dalle chat, lui ha risposto “Giovani, purché fossero giovani”. Ci sono conversazioni in cui nella rete di pedofili di cui faceva parte chiedeva video e immagini di bambini-parentio, figli, sorelle, fratelli, abusati.

Liam, che si guadagnava da vivere facendo lo speedyboy in un ristorante, è stato condannato a 16 mesi di carcere e per 10 anni il suo nome sarà iscritto sul registro delle persone pericolose per reati sessuali.