bratz
Storie di vita

Mamma “strucca” le bambole: ecco per quale motivo

bratz

Si chiama Sonia Singh la mamma, originaria della Tasmania, recentemente salita agli onori della cronaca per una particolare attività: la donna ha iniziato a “struccare” le Bratz, le note bambole preferite da milioni di bambine in tutto il mondo. Con un’attività certosina, la donna ha iniziato a togliere abitini sexy e trucco dalle bambole, rendendole dunque più simili a ragazzine più genuine.

Leggi anche: Come giocare con il proprio bimbo?

L’idea di Sonia, che di mestiere fa l’artista, è quello di dare un nuovo segnale alle bambine e alla società, cercando di abbandonare quello che la donna ritiene essere un modello di femminilità sbagliato, quale quello imposto dalle bambole “vamp”. Con vestiti meno appariscenti e più simili a quelli che le ragazzine indossano nella vita reale, la mamma cerca di ispirare le bambine a fare i conti con delle bambole più in grado di rappresentare una ragazzina acqua e sapone.

Da questo progetto, in seguito alle numerose richieste che sono arrivate nella casella di posta elettronica di Sonia, è nato un particolare progetto di beneficienza: il ricavato viene mensilmente girato a una associazione diversa nella misura del 50%, mentre l’altro 50% serve a finanziare il progetto Tree Change Dolls. Che ne pensate?