massaggio_neonatale_aimi_cavana-800x500_c
Bambino

L’importanza del massaggio per neonati: scegliere quello giusto e perché farlo da subito

 

Fa soltanto bene: è un tempo dedicato alle coccole e a calmare il bambino e comunicargli quella sicurezza e tranquillità che caratterizzavano la vita nell’utero. Perché la nascita non sconvolge soltanto la vita di mamma e papà, ma è un cambiamento violento soprattutto per il bambino. Il massaggio è consigliato dagli esperti per continuare a donare al neonato le sensazioni che il piccolo provava quando era nell’utero materno. Ne esistono di diversi tipi: ecco quali scegliere in base alle nostre abitudini
(continua dopo la foto)

massaggio-per-bambiniImportante è la scelta del luogo:  il luogo migliore per il massaggio dovrà essere preferibilmente sempre lo stesso, tranquillo, al riparo da correnti d’aria per evitare che il bimbo prenda freddo.  Il bambino, inizialmente, è in contatto visivo con la madre per stabilire un dialogo con lei senza le parole, soltanto attraverso il suo corpo;

Quando farlo Il momento del giorno in cui farlo il massaggio va eseguito preferibilmente al mattino presto o prima della pappa serale, non deve essere praticato dopo l’allattamento, perché il bambino ha mangiato e non va disturbato e potrebbe incidere con la fase della digestione. Il massaggio viene effettuato utilizzando dell’olio naturale, tipo quello di mandorle, adatto alla loro pelle delicata. Il tocco delle mani imbevute di olio  nutre il bambino come nel grembo materno prima della nascita e lo aiuta a prendere coscienza dei suoi confini che non sono più le pareti uterine alleviando la sofferenza per il brusco ed improvviso cambiamento. Una volta terminato il massaggio è necessario che il bambino venga lavato. Non si tratta di un bagno di pulizia, ma di un bagno che serve a donargli una condizione di rilassamento.

massaggio1ll massaggio shantala o massaggio indiano: è originario della regione del Kerala nell’India meridionale, in cui rifacendosi ai principi della medicina ayurvedica, le madri insegnano alle loro figlie incinte le tecniche di questo tipo di massaggio. In Italia anche per questa tecnica è possibile seguire dei corsi specifici. O acquistare il libro di FredericK Leboyer, Shantala, l’arte del massaggio indiano per far crescere dei bambini felici;

Il massaggio bioenergetico si basa sul concetto che la pelle siano un organo per imparare come il cervello. La tecnica del  massaggio in questo caso si articola su tutto il corpo del bambino, dall’altro verso il basso, dal centro verso le estremità attraverso tre tipi di movimento:  gli sfioramenti, lunghi e leggeri, con le dita delle mani leggermente aperte, come a voler toccare tutta la superficie della pelle; si disegnano dei piccoli cerchi sull’area massaggiata;

Il massaggio AIMI deriva dal massaggio tradizionale indiano, ma riprende anche le sequenze del massaggio svedese elaborate da Per Henric Ling (1800), oltre allo yoga e ad elementi della riflessologia plantare.