abbraccio-mamma-neonato-1
Guide e Consigli

L’importanza del contatto pelle a pelle con la mamma e perché serve a tuo figlio

 

Il contatto pelle a pelle è la via per riavvicinarsi dopo la separazione della nascita per tutte le coppie mamma-bambino. Averli addosso subito dopo la nascita, portarli addosso con le fasce fin dai primi mesi, stringerli a sé, passa dalla necessità di mantenere il contatto con il proprio bambino che in alcuni casi vorremmo ancora sentire dentro di noi. Ecco perché è importante favorire questi scambi attraverso la pelle: palpazioni, carezze, pressioni, sfregamenti, solletico, pizzicotti delicati e ripetuti, baci ovunque, il fiato o soffio diretto al viso o al corpo del bambino. Ecco perché il contatto pelle a pelle è necessario per il bambino: attraverso la pelle passa lo sviluppo affettivo di tuo figlio.

(Continua dopo la foto)

Mother and daughter play in the bedroom

Durante la gravidanza il bambino risponde alle minime pressioni provenienti dal mondo esterno. Quando una donna incinta è distesa le è possibile prendere l’utero in mano come una palla e prendere contatto con il bambino. Basta la leggera pressione di un dito a rappresentare un richiamo, e subito il bambino reagisce e si muove. Il comportamento di attaccamento postnatale si prepara dunque molto prima della nascita ed è bene notare che mamma e papà, fratellino e sorellina se già nati, sono notevolmente modificati dal contatto precoce con il feto.

L’affermazione tattile-affettiva è, infatti, un bisogno vitale primario assolutamente necessario allo sviluppo della vita affettiva. In utero, sia che la madre accarezzi, palpi o no il bambino, la superficie cutanea riceve ogni momento numerosi messaggi che organizzano un certo ritmo in funzione di quello materno. I gesti che seguono la nascita assumono invece un’altra dimensione, quando per la prima volta il bambino è visibile, vestito della sua sola pelle, inizia un altro modo di comunicare.

L’abbraccio materno, per quanto ricco e completo, non può coprire tutta la superficie del corpo, né permanere ininterrotto giorno e notte. Ma, al suo posto, la madre offre carezze e parole. La pelle del bambino è oggetto di cure materne regolari e attente.