costanzo-cop
Famiglia

“Lei allora era molto giovane, poi è stata riconoscente…”. Maurizio Costanzo, la confessione: ecco cosa ha fatto a Maria De Filippi

 

“Tra i tanti pregi di Maria c’è di quello di essere una persona riconoscente, dote che non tutti possiedono. Averla fatta debuttare in televisione è un merito che mi prendo volentieri. Sono orgoglioso di averle dato una possibilità proprio perchè non era facile intuire che fosse così portata per questo mestiere. Tutto cominciò quasi per caso, quando Amici non era ancora il programma dei talenti che conosciamo oggi, ma un talk show che si proponeva di trattare temi e problematiche giovanili”. Maurizio Costanzo vuota il sacco e svela tutto, confermando – se ce ne fosse stato bisogno – quanto detto poche settimane fa dalla stessa Maria De Filippo che, nel rispondere un’aspirante conduttrice di Tu si que Vales, ha ammesso che oltre ad un talento innato, per sfondare nel mondo dello spettacolo, ci fosse bisogno di una ‘raccomandazione’.

(Continua dopo la foto)

costanzo-dentrounoEbbene, ora si scopre che il suo pigmalione è stato proprio colui che sarebbe diventato suo marito: Maurizio Costanzo che, da assistente personale, la promosse a conduttrice della prima formula di Amici al posto di Lella Costa. Ed è proprio il giornalista che, al settimanale Nuovo Tv, conferma di averci visto bene, conducendo la moglie in un’interminabile escalation di successi.

(Continua dopo la foto)

costanzodentro

Ed è da allora che Costanzo è il primo fan della De Filippi a cui, spesso, ha fornito i preziosi consigli da navigato esperto di tv:

(Continua dopo la foto)

costanzodetrodue

“All’epoca a condurlo era Lella Costa che a un certo punto rimase incinta. Dovendo scegliere una sostituta pensai proprio a Maria De Filippi, che era la mia assistente e aveva ideato la trasmissione. Lei temeva di non avere la voce adatta. Invece si sbagliava. Dentro di me sentivo che Maria era la persona giusta per quel ruolo e che un giorno ce l’avrebbe fatta ad affermarsi. Evidentemente la televisione ce l’aveva proprio nel dna. Maria aveva solo bisogno dell’occasione giusta”.