melanoma2
Notizie

Lampade abbronzanti per ‘prepararsi’ all’estate? Non è una buona pratica, ecco cosa c’è da sapere

 

Aumentano i casi di melanoma tra i giovani, tanto che oggi in Italia il 20% delle nuove diagnosi di questo tumore della pelle, e pari a 2.260 casi nel 2015, riguarda pazienti tra 15 e 39 anni. Una tendenza confermata anche dai ricoveri: l’incremento dei tassi di ospedalizzazione dovuti a questa neoplasia fra i 31-40enni è stato del 17% tra il 2001 e il 2008. Ma i medici sanno anche quali comportamenti sono tra i principali responsabili di questo tipo di tumori.

(Continua dopo la foto)

lampada-abbronzante

In costante crescita, i casi di questo tumore, particolarmente aggressivo, sono quasi raddoppiati in dieci anni, dicono gli esperti, riuniti in convegno dal titolo «Lotta al Melanoma, fra prevenzione e innovazione terapeutica», in corso al Ministero della Salute organizzato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM).

In merito all’esposizione ai raggi solari, i dermatologi spiegano che sono diversi i tipi di melanoma e che le alterazioni genetiche hanno una responsabilità importante tanto quanto “le ustioni provocate dalla scorretta esposizione al sole possono danneggiare il nostro Dna e, sul lungo periodo, portare a modificazioni delle cellule che inducono lo sviluppo del tumori. Grande cautela, quindi, soprattutto per le persone con carnagione chiara, per chi ha gli occhi verdi o celesti e per chi ha molti nei sulla pelle.

DT7J94 DERMATOLOGY, SYMPTOMATOLOGY, WOMAN

Va inoltre ricordato che sono a rischio anche gli individui che hanno avuto frequenti bruciature, nell’infanzia o nell’adolescenza, a causa di un’eccessiva esposizione ai raggi solari. Infatti, “la pelle non dimentica”, come avverte Lucio Andreassi sul sito nel Ministero della Salute, quindi le ustioni riscontrate da bambini alzano il rischio di melanoma in età adulta. È necessario proteggersi con creme solari e indumenti adeguati quando ci si espone al sole, evitando le ore centrali della giornata così come le lampade abbronzanti. Comunque mai senza creme di protezione, nemmeno quando siete già abbronzati, mai sotto la lampada senza crema. I raggi UVA e UVB sono ugualmente dannosi e invecchiano precocemente la pelle. Le lampade sono peraltro vietate ai minori!!!!!!! Importante inoltre non tralasciare i controlli, «perché un esame della pelle una volta all’anno può individuare questo tumore nella fase iniziale, quando le percentuali di guarigione superano il 90%».