makeup
Donna

Il trucco primavera estate? Tendenza neon, ma le 40enni non devono rinunciare ad essere alla moda. Ecco le accortezze da usare

 

E poi c’è il trucco al neon, quello di quest’anno. Eccessivo, da passerella. E, in quanto tale, adatto a molte, ma non a tutte. “Si tratta di una moda accessibile a giovani e giovanissime, forse meno adatta alle più agé”, dicono i truccatori. Ciò non toglie che anche le ex-teenagers possano concedersi pennellate di colore con cui festeggiare la bella stagione. Il segreto sta nel calibrare la quantità di colore e il punto in cui è più conveniente applicarlo. Qual è?

(continua dopo la foto)

make-up-neon

Chi ha perso la freschezza dei 20 anni si concentri sulle labbra: gli occhi – e le palpebre in modo particole – tradiscono l’età più del sorriso. Truccare lo sguardo con polveri o matite dai colori squillanti non farebbe che evidenziarne le imperfezioni: palpebre rilassate, espressione stanca, rughette agli angoli degli occhi. Per questo suggerisco di adottare un trucco occhi al naturale, spostando il colore sulle labbra”. La prudenza – o meglio il senso della misura – è comunque d’obbligo. “Per evitare che il prodotto scelto ‘migri’, insinuandosi nei micro solchi del contorno labbra, consiglio di privilegiare una formula non grassa. No, quindi, a gloss lucidi e/o corposi, sì a rossetti a lunga tenuta”. Non necessariamente mat, quindi, purché garanti di una resa long lasting. Solo così si avrà la certezza che il colore non si sposti e si mantenga per ore. Adatti, a questo scopo, sono i cosiddetti tingi-labbra: né rossetto né gloss, contengono pigmenti disciolti in basi acquose. Una volta applicati, la parte liquida evapora lasciando che i pigmenti si fissino alle labbra per l’intera giornata.

makeup2makeup

E per la serie : Non si butta niente, sappiate che le nuance delle palette estive con cui avremo osato magari per una serat importante, non per un trucco quotidiano, potranno facilmente essere utilizzate anche la prossima stagione invernale,  accostate per esempio a un grigio fumo di Londra o a un marrone tabacco, oppure – nel caso del rosa – sfruttate come blush. Non male vero?