diabetecop
Gravidanza

Il diabete in gravidanza? In Italia il problema è si registra in 50.000 casi l’anno. Ma adesso per le donne c’è un aiuto in più: il controllo della glicemia è ‘flash’

 

Il diabete in gravidanza? In Italia circa il 7,5% delle future madri soffre di diabete di tipo 1 o 2, e una su 7 sviluppa il diabete gestazionale durante i 9 mesi. Una malattia che se ne va insieme al pancione, ma che è fondamentale intercettare e trattare. Perché per la madre è il campanello d’allarme di una condizione di pericolo silente, mentre per il futuro bebè significa “crescere come se fosse in una pasticceria. Quindi nascere con un metabolismo che lo predispone a un maggior bisogno energetico e a un maggior rischio cardiovascolare precoce”. A spiegarlo sono gli esperti riuniti a Milano per un incontro promosso da Abbott al fine di annunciare, come riporta Adnkronos, una nuova approvazione del sistema di monitoraggio flash della glicemia: ‘FreeStyle Libre’, la tecnologia che permette di controllare i livelli di glucosio senza doversi pungere il dito con un ago, ha dimostrato clinicamente di essere “accurato e sicuro per l’uso in gravidanza” e ha ottenuto il marchio CE anche per l’impiego nelle donne in attesa. (Continua dopo la foto)

diabete2

Si tratta di un sensore indossabile, simile a una moneta da 2 euro da applicare sul braccio, misura automaticamente la glicemia h24 per un periodo fino a 14 giorni; un lettore fa la scansione anche attraverso i vestiti e permette di conoscere i livelli glicemici in ogni momento venga consigliato dal medico. E le mamme gradiscono: considerano il metodo meno stressante (98%), meno doloroso (100%), più facile (94%) e più discreto (95%) rispetto a quelli tradizionali. E il sistema, rimborsato in alcune regioni della Penisola fra cui la Lombardia, viene ‘promosso’ anche dai camici bianchi. Disponibile in 40 Paesi del mondo, viene usato da circa 400 mila persone tra adulti e bambini. (Continua dopo le foto)

diabete1 diabetedentro

Ulteriori informazioni online, su www.freestylelibre.it. “I dati del ministero della Salute – riferisce Ester Vitacolonna, professore associato della Scuola di medicina e scienze della salute dell’università Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara, coordinatore nazionale del Gruppo di studio Diabete e gravidanza di Amd-Sid (Associazione medici diabetologi-Società italiana di diabetologia) – ci dicono che, su oltre 470 mila bimbi partoriti in Italia nel 2016, circa 1.200 sono figli di donne con diabete di tipo 1, più o meno la metà sono nati da mamme con diabete di tipo 2 e il 15-16% da donne con diabete gestazionale, che in genere insorge al secondo-terzo mese di gravidanza e viene considerato la spia di una condizione di rischio sottostante e silente”.