millennials-foto-cibo-2
Famiglia

I nostri figli tra chat e social, cosa sarà di loro, quando diventeranno adulti? Tutta colpa di noi genitori

 

La Generazione Y cresce in un mondo di Facebook e Instagram, dove per tutto c’è un filtro.  Imparano fin da piccoli a mostrare agli altri che la vita è magnifica, anche se siamo depressi.  Chattano in continuazione, saltano sulla sedia ad ogni notifica, ma cosa comporterà in futuro questa convivenza stretta con cellulari ed esposizione costante sui social network.

(Continua dopo la foto) 

Friends Looking At Cell Phone

Secondo gli studi di David Greenfield, professore di psichiatria all’Univeristà del Connecticut, l’attaccamento allo smartphone è molto simile a tutte le altre dipendenze, perché causa delle interferenze nella produzione della dopamina, il neurotrasmettirore che regola il circuito celebrale della ricompensa: in altre parole, incoraggia le persone a svolgere attività che credono gli daranno piacere.  Così ogni volta che vediamo apparire una notifica sul cellulare, che sia un messaggino o una nuova e-mail, sale il livello di dopamina, perché pensiamo – anche se sarebbe il caso di dire, speriamo – che ci sia in serbo per noi qualche cosa di nuovo e interessante. Il problema però è che non possiamo sapere in anticipo se accadrà davvero qualche cosa di bello, così si ha l’impulso di controllare in continuazione.

millenials

generazionex

Nella migliore delle ipotesi avremo una generazione che crescerà e vivrà la propria vita senza mai trovare la vera felicità. La colpa, secondo gli studiosi, non è solo dei genitori, ma anche degli ambienti aziendali «a cui interessano più i numeri, che la vita di queste giovani persone. E i ragazzi? Si danno la colpa se non ottengono tutto e subito.