10151266
mytraffic Senza categoria

Guardate bene quest’uomo. All’apparenza sembra un’amorevole papà che si prende cura della sua famiglia, ma dietro a questo sorriso sornione si nasconde una verità choc. E ora arrivano i guai

 

Ci sono voluti oltre venticinque anni, dall’avvio delle indagini alla prima sentenza, ma alla fine la Corte suprema della provincia canadese della Colombia Britannica ha emesso il verdetto di condanna (la pena non è stata ancora stabilita, ma potrebbe arrivare sino a cinque anni di reclusione) nei confronti di due predicatori mormoni, a capo di altrettante sette, per avere violato la legge che vieta la poligamia. Si tratta di Winston Blackmore, 60 anni, a lungo capo della Fundamentalist Church of Jesus Christ of Latter-Day Saints, una setta religiosa canadese, 25 mogli e 145 figli, e James Oler, 53 anni, l’altro leader della setta religiosa, che di donne ne ha sposate solo cinque. Entrambi fanno parte della chiesa ‘fondamentalista’ mormone, che però è stata rinnegata dagli stessi mormoni proprio per le posizioni estreme dei suoi leader. Blackmore e Oltre sono stati condannati per poligamia, anche se ancora non è stata resa nota la pena che dovranno scontare. Un processo, come detto, lungo e complicato, perché la legge canadese sulla poligamia non è chiara e ci sono stati diversi ricorsi e scontri su quello che può venir definita “libertà religiosa”. Quello di Blackmore e Oler, però, non è l’unico caso legale che ha coinvolto la setta. (Continua a leggere dopo la foto)

0

Prima che Blackmore ne diventasse leader, a guidare la Fundamentalist Church of Jesus Christ of Latter-Day Saints era Warren Steed Jeffs, figlio del fondatore Rulon Jeffs. Considerato ancora oggi dalla setta il profeta e leader massimo, Warren Steed Jeffs attualmente è in un carcere del Texas dove sconta una pena all’ergastolo. Sì, perché il leader e profeta è stato condannato per stupro, dopo essere stato denunciato da diversi bambini e ragazzi della setta, che affermavano di essere stati violentati da lui. I mormoni tradizionalisti sono quelli che appartengono alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi giorni, fondata nel 1830 da Joseph Smith (assassinato con il fratello nel 1944) e che ha il suo cuore a Salt Lake City, nello Utah. Blackmore e Oler hanno invece seguito i filoni più integralisti della religione mormone, quali quello di Jeffs. (Continua a leggere dopo la foto)

JessopFamily 4949d7579e0349d08836b1e768de69ae-kyD-U43350106436412lhC-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Blackmore non ha mai negato di avere più mogli come parte delle sue credenze religiose. “Sono colpevole di vivere la mia religione e questo è tutto quello che stato accertato oggi e non l’ho mai negato”, ha detto Blackmore ai giornalisti dopo il verdetto, aggiungendo: “Venticinque anni e decine di milioni di dollari dopo, tutto quello che hanno dimostrato è qualcosa che non abbiamo mai negato: non ho mai negato la mia fede”. Oler, che di mogli ne ha solo cinque, è il leader della comunità religiosa di quella regione del Canada. Ha ereditato il ruolo proprio da Blackmore, che nel 2002 è stato scomunicato dal Warren Jeffs, considerato dalla setta il «profeta» e leader massimo. Sarebbe ancora lui a guidare la sua chiesa, pur trovandosi in una prigione del Texas.