app
Guide e Consigli

Genitori in gruppi whatsapp: 8 regole di buona educazione

 

All’inizio dell’anno scolastico, scatta l’operazione reperimento dei numeri di cellulari dei genitori per creare un gruppo whatsapp e tenersi aggiornati. Capita sempre più spesso che questi gruppi siano dei sostituti delle telefonate tra bambini dove mamme ansiose si preoccupano che siano “proprio tutti” i compiti scritti sul diario dal bambino. Bisogna fare attenzione e tenere a mente sempre la cosiddetta “netiquette”, cioè le regole (non scritte) del galateo web. Per non parlare del numero di notifiche che troviamo, dopo solo poche ore di stacco dall’apparecchio!

(Continua dopo la foto)

notifiche-whatsapp

1. Ricordate sempre qual è la funzione dei gruppi WhatsApp 
«I Gruppi WhatsApp normalmente nascono con la prima assemblea dei genitori di una classe con un nobile intento: permettere di scambiarsi, in maniera immediata e di fatto a costo zero, informazioni utili su ciò che riguarda la scuola e, per l’esattezza, sulla classe dei figli».

2. Impostate l’immagine del vostro profilo 
«Potrebbe sembrare una banalità ma una delle prime cose da fare su WhatsApp è impostare il proprio profilo con il proprio nome e con una foto personale, cosa da essere “riconoscibili” anche offline. Quando scrivete nel gruppo, specie nei primi tempi, è bene presentarsi anche in chat come la madre/il padre di. In modo da aiutare gli altri a conoscerci.

app2

app3

3. Orari e notifiche «È buona norma mandare messaggi in orari “da ufficio” evitando quindi ore notturne perché non tutti i genitori chiudono il cellulare. Personalmente, ho tolto la suoneria ai gruppi ma leggo i messaggi con una frequenza regolare».

4. Evitate l’effetto boomerang Non bisogna utilizzare WhatsApp con un uso difforme da quello informativo e/o comunicativo, altrimenti, soprattutto nel caso dei gruppi, lo strumento può diventare inefficace. Se il gruppo diviene un luogo di spam, i messaggi importanti si perderanno, annacquati dalla massa di contenuti inutili, e molti genitori saranno portati a non leggere più con attenzione ciò che viene diffuso.

5. Non condividete bufale e contenuti non attinenti, catene di sant’Antonio Sono quindi da evitare contenuti non attinenti, a partire dalla bufale (controllare la fonte). Ma anche i contenuti “veri” ma non in linea con le finalità del gruppo sono da evitare. Qui per distinguerli occorre buon senso: la locandina dello spettacolo teatrale per bambini potrebbe essere a tema. È poi opportuno inviare solo messaggi testuali e non audio».

6. Attenzione a video e immagini “off topic” Ricordarsi poi che è un gruppo nato con una finalità precisa: le informazioni riguardanti la scuola o la classe. Non è quindi opportuno inviare immagini e video che, per quanto simpatici o toccanti, sarebbero off topic».

7. Non servono 100 messaggi di ringraziamento o di auguri: limitateli! Anche i messaggi di ringraziamento, per quanto sempre graditi, dovrebbero essere molto limitati, nei gruppi whatsapp: meglio mandarli direttamente.

8. Ricordate che il gruppo non è una chat privata I messaggi rivolti solo a un numero limitato di genitori dovrebbero essere fatti esternamente, dal vivo o con un messaggio diretto.