social network
Notizie

Facebook: il peggior nemico della dieta

social network

Dalla comunione scientifica di due facoltose università americane, nasce una delle notizie più inquietanti per chi ha problemi di peso: frequentare i social network contribuirebbe a far muovere verso l’alto l’ago della bilancia.

Da tempo non riuscite a debellare quell’antiestetico chiletto in più che si è posizionato proprio lì sulla pancia? Da tempo ormai le vostre rotondità si son fatte più evidenti?

La ricerca scientifica vi consiglia di staccare la spina con i social network.

In particolar modo Facebook, sarebbe legato a doppio filo all’aumento ponderale. A confermarlo è una recente ricerca, condotta in America da alcuni studiosi delle Università di Pittsburgh e Columbia, su di un gruppo di utenti Facebook e si sono focalizzati sul carpire le influenze che la vita virtuale riversava sulla vita reale.

Da una prima analisi, è immediatamente trapelato un dato importante: la frequentazione del mondo face book, riduceva sensibilmente l’autocontrollo degli utenti,  favorendo un maggior consumo di cibo spazzatura.

In particolar modo, la possibilità offerta da Facebook di comunicare quotidianamente con un grande numero di persone fa lievitare la fiducia in se stessi, inibisce i centri sensoriali legati alle auto imposizioni e abbatte ogni tipo di barriera legata all’autocontrollo.

Anche se in un primo momento questo fenomeno potrebbe far pensare ad un dato positivo, in realtà così non è. Questo senso di dominio e la crescente attenzione per l’immagine che proietta nel mondo virtuale, infatti, porta l’individuo a cedere alle piccole tentazioni che normalmente sono tenute a bada dal senso di responsabilità e lo spinge a porre meno attenzione anche in merito a ciò che mangia. Un comportamento lascivo e superficiale che, oltre a ledere alla propria immagine reale, potrebbe anche esporlo a pericolosi rischi fisici.

Il pericolo suesposto, ovviamente, aumenta all’aumentare del tempo passato in rete. Un consumo limitato a poche ore settimanali invece, sembra non destare alcun effetto negativo. A quanto pare quindi, è proprio il caso di dire che “il troppo stroppia” … anche nel mondo virtuale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *