floracop
Papà

“Fa dei ruttini che sono una meraviglia!”. Enrico Brignano, ma che dici? Il comico è diventato papà a 51 anni e ha perso la testa

 

I metereologi in questi giorni parlano di tipica ottobrata. Complici le alte temperature, molti si godono il tepore passeggiando. Anche Enrico Brignano lo fa insieme a Flora Canto. Il comico e l’ex protagonista di “Uomini e donne” sono stati fotografati da “Nuovo” a Milano mentre fanno quattro passi assieme alla piccola Martina, la loro prima figlia, nata otto mesi fa. Nello specifico, la bimba è venuta al mondo il 10 febbraio. Da allora, sembra che l’attore non si sia ancora abituato al suo nuovo ruolo di papà. Per quanto riguarda i compiti casalinghi e quelli che riguardano le cure della figlia, Enrico ha riferito che i due genitori se li sono suddivisi equamente. “Io e Flora ci siamo divisi un po’ i compiti. Lei cambia la piccolina, la nutre, la veste. Mentre io che sono il mammo, o il papo, sistemo i giocattoli che Martina getta a terra, elimino i pannolini che vanno buttati nel cassonetto giusto, lavo il biberon e poi le faccio fare il ruttino. Ecco, quello è compito mio e mia figlia fa dei ruttini che danno soddisfazione, mangia come una democristiana!”, dice scherzando soddisfatto. (Continua dopo la foto)

floradentro

L’attore ha anche svelato come per lui oggi fare figli sia una scelta coraggiosa. “Oggi mettere al mondo una creatura, dopo che ti sei visto due o tre telegiornali – e poi ci sono i vaccini, e l’alimentazione corretta, e i seggiolini sull’auto – diventa un’operazione coraggiosa. Mission impossible. Solo ora che c’è, capisco che Martina è il mio tesoro e finché campo sarà la mia preoccupazione. Io e Flora, per adesso, non pensiamo alle nozze, ma a battezzare la bambina. È nostro compito avviarla su un cammino spirituale con un minimo di convinzione e non confondere il sacramento con i dettagli della festa”.  (Continua dopo le foto)

floradentro1 floradentro2

E Flora che ne pensa? La compagna di Brignano ha affermato che, nonostante sia un attore affermato, con la piccola Martina non riesce a controllare nemmeno il suo tono di voce. “Enrico ha interpretato monologhi su monologhi ripetendo che ai bambini bisogna parlare correttamente. Lui invece cosa fa? Alla piccola, che ha sette mesi, si rivolge solo con putiputipù e pereperepé”. Del resto, è un comico, no?