livorno-dentrouno
Primo Piano

È morta! Una tragedia inaccettabile: la piccola non c’è l’ha fatta. Dopo ore di agonia e tentativi di rianimarla, i medici si sono dovuti arrendere…

 

È stata dichiarata morta la bimba di 18 mesi rimasta chiusa in auto per circa quattro ore a Vada, provincia di Livorno. Lo hanno riferito dall’Ospedale Meyer di Firenze dove la piccola era stata ricoverata ieri in gravissime condizioni. La bimba era stata dimenticata in auto dalla mamma. I genitori hanno acconsentito alla donazione degli organi. “Dalla Tac è emerso un danno neurologico – avevano fanno sapere fonti sanitarie – provocato dalla lunga esposizione al calore”.

(Continua dopo la foto)

livorno La bimba era intubata, sedata e continuamente monitorata. Poi, ieri il tragico epilogo. La madre della bambina, secondo le prime ricostruzioni fatte dai carabinieri di Cecina, sarebbe andata a lavoro convinta di aver già portato la figlia all’asilo nido. Quando poi è uscita, intorno alle 13:30, ha visto la piccola sul seggiolino dell’auto. Ai soccorritori avrebbe raccontato di averlo fatto per colpa di «un vuoto di memoria improvviso». Ora – come riporta Il Messaggero – ci sarà anche da affrontare il calvario dell’iter giudiziario, compresa la probabile autopsia della bambina per definire con certezza la causa di morte.

(Continua dopo la foto)

livronocopertina

Quella di ieri doveva essere una giornata come tutte le altre e invece per i genitori della piccola è diventata un incubo: la mamma come ogni mattina avrebbe dovuto accompagnare le figlie rispettivamente al campo solare e all’asilo nido, prima di recarsi al lavoro. E invece ha lasciato solo la più grande, di 6 anni, mentre la più piccola è rimasta in auto.  Quando ha parcheggiato la macchina per andare a lavoro si è dimenticata di lei, lasciandola nell’abitacolo della vettura trasformatosi in breve in un ‘forno’ a causa delle elevate temperature di questi giorni dove si sono superati già prima di mezzogiorno i 30 gradi. Quando, intorno all’ora di pranzo, la donna è tornata alla macchina, ha visto la figlia priva di coscienza, reclinata sul seggiolino e ha capito. Ha dato l’allarme. Quindi la corsa disperata, poi la tragedia.

livorno-dentro