ciucciocop
Bambino

Ciuccio sì o no? Gli esperti non hanno dubbi: costituisce un buon alleato nella cura del bambino ma non deve sostituire il contatto materno o l’allattamento

 

Ciuccio: sì o no? Sì dopo il primo mese di vita, se è gradito, anche per proteggere dal rischio di SIDS, cioè morte in culla. I ciucci migliori sono a ciliegina e in silicone per i primi mesi e poi, nei mesi successivi, vanno bene anche quelli a goccia e in caucciù. Il ciuccio non ‘vizia’ il bambino, basta usarlo con buonsenso e cominciare a toglierlo dopo l’anno di età. I. È indubbia la sua utilità nella gestione del pianto del bambino ma non è altrettanto condivisa la durata di utilizzo. Quando dare il ciuccio al neonato è infatti una questione su cui gli esperti hanno fondato vari studi scientifici. Secondo gli studi pubblicati dalla Canadian Paedriatic Society, alcuni bambini sono portati a succhiare il dito già nella pancia della mamma. È quindi naturale associare questo gesto ad una situazione di calma e serenità. Il ciuccio quindi costituisce un buon alleato nella cura del bambino ma non deve sostituire il contatto materno o l’allattamento. Secondo uno studio del 2007 di A.Marter e Pacifiers l’uso del ciucciotto non riduce la durata dell’allattamento se dato ai prematuri o ai neonati dopo il primo mese. (Continua dopo la foto)

ciuccio2

Tra gli svantaggi più riconosciuti sull’utilizzo dei ciucci per neonati è la probabilità di intaccare il corretto sviluppo dentale. Può anche causare una riduzione dell’allattamento. Però ci sono alcune dritte di cui tenere conto. Secondo gli esperti, non bisogna offrire il ciuccio al bambino fin quando l’allattamento non sia ben avviato. Il ciuccio per neonati allattati al seno deve essere vissuto come un alleato, non come un sostituto del pasto o delle coccole materne.  (Continua dopo le foto)

ciuccio1 ciuccio

Inoltre, va sterilizzato sempre il ciuccio in acqua bollente per 5 minuti per il primo utilizzo. Farlo raffreddare per darlo al bambino e in seguito, tenerlo pulito conservandolo in un porta ciuccio. L’ideale è cambiarlo ogni due mesi, a prescindere da rotture o incrinature. Attenzione invece: mai immergere il ciuccio nel miele o in altre sostante dolci che possono provocare danni ai dentini. Se la problematica che vi attanaglia è relativa al come posso far prendere il ciuccio, è bene sapere che gli esperti consigliano di non forzare il bambino al suo utilizzo. Il consiglio è di limitarne gradualmente l’uso fino a proporgli di tenerlo solo la notte. E infine meglio sospenderne l’utilizzo a partire dai dodici mesi, in cambio di piccole compensazioni premio.