adam-1
Storie di vita

Cerca di curare la figlia malata terminale, padre viene arrestato [FOTOGALLERY]

adam-1

La drammatica vicenda che vogliamo raccontarvi oggi è un chiaro esempio di cosa possa essere capace di fare un padre per la salute della propria bimba: tutto!

La storia ha come protagonista Adam Koessler e sua figlia Rumer. Rumer, la bimba di questo padre di origine australiana, è purtroppo affetta da una terribile malattia e si trova all’ultimo stadio di vita. Adam, per poter alleviare le sue sofferenze, ha dunque pensato di somministrarle un po’ di olio di cannabis terapeutico, un estratto molto concentrato della pianta. Un gesto che tuttavia gli è costato il carcere.

Leggi anche: La guerra del ciuccio, chi vincerà?

Eppure, la sua idea si era rivelata tutt’altro che sbagliata. Lungi da noi il voler supportare e sostenere questo gesto, era tuttavia evidente come la piccola di due anni, affetta da una gravissima patologia, ha avuto un miglioramento piuttosto visibile, ricominciando a mangiare, a ridere e a “vivere”. Nonostante ciò, Adam ha infranto le leggi locali sulla droga e, avendo somministrato sostanze stupefacenti a una minore di 16 anni, è stato incarcerato e gli è stato poi vietato di avvicinare la bimba.

Naturalmente, considerata la straordinaria fattispecie, sui principali social network del mondo è partita una improvvisa campagna di sensibilizzazione e di sostegno per Adam. Un movimento talmente impetuoso che, presumibilmente, è servito a compiere le pressioni giuste sulle autorità locali affinchè Adam potesse rivedere ancora una volta la bambina… pur con la polizia che attendeva fuori dalla stanza dove la bimba era ricoverata.

Leggi anche: Bambina di due mesi dice ti amo al padre

Il movimento pro-Adam non si è tuttavia fermato qui. La raccolta firme organizzata su Change.org per consentire ad Adam di vedere la sua piccola nonostante sia accusato di averle somministrato una droga è salita già a quota 140 mila e, giorno dopo giorno, allunga la propria lista in misura corposa e notevole. Nella pagina dedicata alla raccolta, si giustifica l’iniziativa ricordando come sia “inumano” e “ingiusto” impedire a un genitore che ha agito per amore di un figlio, tentando di prolungarne la vita, lontano da lui, durante una malattia così grave.

La vicenda è stata rimbalzata in tutto il mondo grazie ad un approfondimento del Mirror e, di qui, da alcuni altri approfondimenti poi compiuti da quotidiani e settimanali locali. Ma voi come avreste agito al posto di Adam? Non avreste forse fatto di tutto per la salute della vostra figlia, sfidando anche le leggi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *