camerette
Guide e Consigli

Assolutamente da leggere per genitori di figlie femmine: come arredare la cameretta per liberarle dagli stereotipi di genere. Gli errori da non commettere

 

Per crescere bambine felici e per spezzare quel tetto di cristallo che ancora opprime il genere femminile e promuovere parità e autorealizzazione, il ribaltamento degli stereotipi si rivela fondamentale fin dalla più tenera età. Si comincia dai libri, dall’abbigliamento, dai film da vedere: occorre sostituire al modello della “bella principessa” in tulle rosa che sceglie la danza l’immaginario della “avventuriera coraggiosa”. Sognatrice, intraprendente, e soprattutto non soggetta all’imperativo della perfezione a tutti i costi, amante delle proprie inclinazioni, prendendosi tutto il rischio di sbagliare per realizzare i propri desideri.
Anche l’arredamento della stanza può contribuire a questa piccola, grande rivoluzione: se il ruolo dell’educazione, ci ha insegnato la grande pedagoga Maria Montessori, è quello di aiutare il bambino a rendersi autonomo e a fare da solo, qualche piccolo accorgimento nell’organizzazione della cameretta può facilitare l’espressione di una personalità libera, non costretta da pregiudizi e consuetudini necessariamente “in rosa confetto”.

(Continua dopo la foto)

bambine-coraggiose

Libere di impiastricciarsi e di impiastricciare. Un bel tavolino nel mezzo della stanza può diventare l’epicentro di una nuova orgia di autoespressione. Per farlo funzionare a dovere, organizziamo un piccolo ripiano dove lasciare sempre disponibili colori, pennarelli, gessetti, colla e carta da ritagliare. Non escludiamo le forbici e scegliamo magari un modello con la punta arrotondata. Quindi, limitiamoci a rendere disponibile quest’invito all’uso: saranno le bambine a sapere come servirsene. E, da ultimo, mai un rimprovero se si sono sporcate: il piacere dell’espressione artistica passa dal rischio di una sperimentazione libera e per questo aperta a incidenti di percorso.

lettura-630x420

camerette2

Libri a portata di mano Non quelli della Disney su principesse che attendono il principe per una vita: libri di piccoli editori, libri consigliati dalle libraie da tenere in camera a portata di mano, con mensole basse che loro possano raggiungere facilmente.

Palette colori. Complice forse anche un po’ la scuola, il mondo delle bambine sembra tingersi sempre e comunque di rosa e di viola. Lungi da voler imporre dei colori “da maschi” o “da adulti” – la scelta dovrebbe spettare sempre ai bambini, almeno a partire da quando iniziano a esplicitare i loro desideri – proviamo però a spezzare la monotonia del classico celeste e rosa. Lunga vita a camerette dominate da giallo, azzurro, verde e tutte quelle fantasie che incoraggiano un mondo in chiave arcobaleno, con mille possibilità cromatiche.

Per maggiori consigli, idee & informazioni visita il sito www.casaincantevole.it