colazione3
Famiglia

Allarme colazione: 1 italiano su 5 preferisce il modello americano (sbagliando)

 

Anche per la prima colazione scatta l’allarme “fake news” con il 61% degli italiani che ritiene (a torto) migliore una colazione super proteica, mentre il 40% pensa sia corretto eliminare i carboidrati che invece per i nutrizionisti “dovrebbe essere l’ingrediente principale”. Certo, andare in un albergo e vedere altri clienti riempirsi il piatto di uova, pezzi di pancarré, fagioli al sugo, innaffiati da un succo di arancia, confonde le idee. Ecco cosa sarebbero disposti a togliere gli italiani, sbagliando, del nostro tradizionale modello alimentare per il risveglio (Continua dopo la foto).

colazione2

Nove italiani su dieci fanno colazione al mattino. Un risultato forse imprevisto se si considera che fino a qualche anno fa più del 15 per cento dei ragazzi non mangiava nulla e oggi invece gli irriducibili sono scesi al 2%. I dati dell’indagine “Io comincio bene”, realizzata dall’osservatorio Doxa/Aidepi, indagano il mondo della prima colazione consegnandoci il profilo di una maggioranza di italiani che consuma alimenti dolci al risveglio (il 65%), un quasi 20% che alterna dolce e salato e un 7 che mangia solo il salato. È dolce anche il caffè del mattino: solo uno su 4 lo prende amaro. (Continua dopo le foto)

 colazione
colazione4

Non bisognerebbe dimenticare che la prima colazione non dovrebbe eccedere il 20% del totale delle calorie della giornata. E se per il 73% i grassi nella prima colazione (biscotti, dolci da forno) sarebbero da eliminare, per circa 10 milioni di italiani (1 su 5) si dovrebbe dire addio al modello “all’italiana”, tradizionalmente dolce, per preferire una colazione salata, considerata, sbagliando, più salutare. Nello stilare le 10 false credenze più diffuse sulla colazione, la ricerca ricorda che l’ importanza della colazione “non sembra fortunatamente messa in discussione e 9 su 10 dichiarano di farla ogni giorno, tendenzialmente a casa (93%). Chi salta la colazione abitualmente o occasionalmente è oggi il 7%”.