bari
Bambino

Ecco Andrea e Fabio, i gemellini da record: uno è nato nel 2018, l’altro nel 2019

Chi è il primo bambino italiano nato nel 2019? Come ogni anno, la mattina del primo gennaio arrivano da ogni parte d’Italia notizie e comunicati da parte di ospedali e cliniche private. Sappiamo così che a contendersi il primato del primo nato dell’anno sono Aurora, nata a Palermo, e Michele, venuto al mondo a Potenza. Sul referto di Aurora, che è nata all’ospedale Cervello di Palermo, è segnato come orario di nascita 00.00 del 1 gennaio 2019.

La piccola pesa 3 chili e 120 grammi ed è lunga 50 centimetri. La mamma è giovanissima, ha 18 anni e ha dato alla luce la sua bimba con un parto naturale. Michele, invece, è nato all’ospedale San Carlo di Potenza un secondo dopo la mezzanotte, come fatto sapere dall’ufficio stampa della struttura ospedaliera. Il bimbo pesa 4 chili ed è lungo 50 cm. (Continua dopo la foto)

4203077_1134_gemelli_mamma_caso

E poi ci sono i Fabio e Andrea a cui va un record tutto particolare: sono gemelli ma sono venuti al mondo al Policlinico Gemelli di Roma in due anni diversi. Come riporta il Corriere del Mezzogiorno, infatti, uno è nato nel 2018 e l’altro nel 2019. Andrea, si legge sui documenti ufficiali di nascita, risulta nato alle 23.59 del 31 dicembre 2018 e Fabio alle 00.01 del primo gennaio 2019. (Continua dopo la foto)

bar2

Entrambi i fratellini alla nascita pesavano oltre due chili l’uno. Torneranno presto a Bari con papà Antonio, 30 anni, impiegato delle Poste, e mamma Rita, 28 anni, che, a causa di una gravidanza “difficoltosa”, come ha raccontato lo zio materno, ha scelto di farsi seguire dai medici dell’ospedale romano. (Continua dopo la foto)

bari

{loadposition intext}
“È solo una consuetudine pensare che i gemelli nascano contemporaneamente – ha detto sempre zio Giovanni al quotidiano barese-, in realtà una differenza temporale c’è sempre. Nel nostro caso questi due minuti fanno la differenza tra due anni diversi”. Lo zio materno ha anche aggiunto che i piccoli Andrea e Fabio “non hanno nemmeno avuto bisogno dell’incubatrice”.