esamecop
Notizie

Esame terza media 2018: le nuove regole sono ormai ufficiali. Ecco come cambiano le valutazioni e la terza prova che mette assieme le due lingue straniere studiate

 

Esami di terza media: cambia tutto. Non è una sorpresa che dal giugno 2018 entreranno in vigore nuove regole per l’ottenimento della licenza media. Ora, però, è tutto scritto nero su bianco. La ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che rende operative le regole preannunciate da uno dei decreti attuativi della legge 107/2015 – la ‘Buona scuola’ – approvati lo scorso aprile. Tre gli scritti (italiano, matematica, lingua straniera) più il colloquio. Ma le novità non finiscono più. Ecco le principali: maggiore attenzione al percorso fatto durante il triennio di studi; la partecipazione alle prove Invalsi diventa requisito d’ammissione all’esame, ma non incide sulla votazione finale, lo svolgimento è anticipato ad aprile e a Italiano e Matematica si aggiunge l’Inglese; le competenze in Cittadinanza e Costituzione saranno valorizzate all’orale. Insieme al diploma arriva poi un modello nazionale di certificazione delle competenze, risultato della sperimentazione già condotta da circa 2.700 scuole. (Continua dopo la foto)

esame

Si dovrà aver frequentato almeno tre quarti del monte ore annuale, non aver ricevuto sanzioni disciplinari che comportano la non ammissione all’esame, e aver partecipato alle prove Invalsi di Italiano, Matematica e Inglese. Nel caso in cui l’alunna o l’alunno non abbiano raggiunto i livelli minimi di apprendimento necessari per accedere all’esame, il consiglio di classe potrà deliberare, a maggioranza e con adeguata motivazione, la non ammissione. (Continua dopo le foto)

esame1 esame2

Le prove scritte, rispetto al passato, terranno maggiormente conto del profilo delle studentesse e degli studenti e dei traguardi di sviluppo delle competenze definiti nelle Indicazioni Nazionali per il curriculum. Il colloquio, invece, è finalizzato a valutare il livello di acquisizione delle conoscenze, abilità e competenze previsto dalla Indicazioni nazionali, con particolare attenzione alle capacità di argomentazione, di risoluzione di problemi, di pensiero critico e riflessivo, di collegamento fra discipline. Terrà conto anche dei livelli di padronanza delle competenze connesse alle attività svolte nell’ambito di Cittadinanza e Costituzione.