cop
Guide e Consigli

Stitichezza in gravidanza, un bel guaio: può provocare emorroidi, cistiti e infezioni vaginali. Ma esistono dei rimedi molto efficace: una guida tutta da leggere

 

La stitichezza nelle donne in gravidanza è un problema molto diffuso e può favorire la comparsa di emorroidi, cistiti e infezioni vaginali. Tutta colpa del progesterone: la funzione principale di questo ormone, prodotto in grandi quantità dalla placenta durante l’attesa, è di inibire le contrazioni della muscolatura liscia della parete uterina. La sua azione rilassante delle fibre muscolari si estende anche all’apparato digerente e, in particolare, all’intestino, riducendo l’efficacia della peristalsi, cioè delle contrazioni involontarie della muscolatura liscia intestinale. Per questa ragione, talvolta la stitichezza in gravidanza compare già nelle prime settimane, in concomitanza con l’aumento dei livelli di progesterone nell’organismo della futura mamma. Anche l’aumento della capacità dell’intestino di assorbire acqua favorisce la stipsi. In gravidanza l’organismo della donna necessita di una quantità di liquidi maggiore e dunque ne trattiene di più dagli alimenti. Le feci, impoverite d’acqua, si induriscono e il loro transito rallenta ulteriormente. (Continua dopo la foto)

dentroCol progredire dell’attesa, alle cause della stipsi si aggiungono anche fattori di tipo meccanico: la riduzione dell’attività fisica e il peso dell’utero che comprime l’apparato gastrointestinale rallentando tutto il processo digestivo. Non a caso, spesso la stitichezza in gravidanza compare per la prima volta o si accentua sensibilmente nella seconda metà dei nove mesi. I rimedi? Bere molta acqua, assumere frutta e verdura in gravidanza. Da evitare il riso mentre yogurt e bevande che contengono fermenti lattici vivi, di solito considerati astringenti, sono utili. (Continua dopo le foto)

dentro2 dentro1

Fa bene anche praticare un po’ di attività fisica. In particolare, le camminate a passo sostenuto tonificano la muscolatura addominale e favoriscono la peristalsi intestinale. Importante anche frazionare i pasti in tanti piccoli spuntini nell’arco della giornata ed evitare di sdraiarsi subito dopo aver mangiato. È importante poi mangiare con calma, masticando lentamente. Se il problema persiste, consultare il medico che può prescrivere dei lassativi.