luciacop
Storie di vita

Lucia, la bambola in carne e ossa: di giorno badante per anziani, di notte la trasformazione. E sui social la 20enne è già una star: “Ecco perché lo faccio”

 

Questa fan di Tim Burton lavora come badante per gli anziani di giorno e si trasforma di notte in una bambola umana. Nonostante la sua apparenza infantile, Lucia, che vive in Svezia, ha 20 anni e coltiva il suo look da quando si è innamorata dei film gotici di Burton da adolescente. Ha detto che collezionare bambole gotiche ha innescato la sua “fase emo”, che l’ha portata a tagliarsi i capelli e tingerli di nero, prima di sviluppare l’aspetto odierno, simile a una bambola. Lucia, che indossa lenti a contatto che migliorano gli occhi ma non ha subito un intervento chirurgico, dice che il suo look spesso attrae critiche in pubblico e online – dove condivide i suoi outfit su Instagram – ma insiste che il suo hobby di cosplay l’ha aiutata a trovare se stessa. Fatto sta che le sue foto stanno spopolando sui social. La 20enne pubblica le sue immagini mentre sembra una bambola in carne ed ossa. (Continua dopo la foto)

luciadentro

“Mi piace vestire, truccarmi e fare un sacco di foto da caricare sui miei social media. Il mio messaggio – racconta – è provare nuove cose e fare ciò che piace e non importa se le persone ti giudicheranno”. Lucia assicura di non aver fatto nessun ritocco chirurgico, ma di cercare sempre nuovi modi per stupire i followers: “Il cosplay non è una cosa stupida o con fini sessuali. È un modo per ritrovare me stessa”. (Continua dopo le foto)

lucia2lucia3Aveva 15 anni quando Lucia ha iniziato a replicare la moda di strada giapponese, ovvero due anni dopo essersi interessata per la prima volta alla scoperta delle riviste giapponesi. “È ‘stato molto più facile del previsto, dal momento che la gente si era già abituata a me con il mio aspetto strano durante la mia fase emo “, ha detto Lucia. “Mi è sempre piaciuta la roba carina da bambola, ma nella mia vita c’è stato un momento in cui pensavo che fosse infantile e pensavo che non mi fosse nemmeno permesso il colore rosa e la femminilità. Sono contenta – ha raccontato al Daily Mail – di averlo superato e ho capito che non c’è niente di sbagliato in questo”.