emmadentro
Bambino

La commovente storia di Emma: la bimba che colleziona scarpe per un motivo davvero nobile. Malata di cancro dall’età di 8 anni, per il suo dodicesimo compleanno ha chiesto in regalo delle calzature buffe

 

Emma Donkor, di Higganum, nel Connecticut, è una bambina dall’hobby un po’ particolare: colleziona scarpe.  Questa piccola ha trascorso gli ultimi 4 anni combattendo contro la neurofibromatosi, una forma di cancro. Con l’avvicinarsi del suo dodicesimo compleanno, la bambina ha deciso di fare qualcosa di speciale, e ha scritto un breve post su Facebook. Avrebbe potuto chiedere qualche aiuto, sostegno, regali. Invece niente: sui social la piccola ha chiesto alla gente di donarle calze dall’aspetto buffo. Proprio le “calze buffe” sembrano essere un ottimo articolo per una donazione, in quanto sono divertenti e non costano molto.Il suo obiettivo era collezionarle almeno 1.200 paia di calze. Invece, in poche settimane, la bambina ha ricevuto oltre 2.300 paia di divertenti calze colorate. I pacchi arrivano da ogni parte del Paese perché la gente con questo gesto vuole dimostrare vicinanza alla bambina e affetto. Che fine fanno questi oggetti? Finiscono in beneficenza. (Continua dopo la foto)

emmadentro1

Alcuni di questi regali sono già stati consegnati al reparto di oncologia del suo ospedale. Insomma, Emma Donkor è un vero esempio per bambini e adulti perché è diventata una vera fonte di supporto e di ispirazione per chiunque voglia rendere il mondo un posto migliore e gentile. Del resto, il numero dei cittadini che si ammalano di tumore è in continua crescita e scelte come quelle di Emma aiutano a strappare loro un sorriso. Ogni giorno in Italia, ad esempio, si scoprono circa 1.000 nuovi casi di cancro. (Continua dopo le foto)

emmadentro2 emmafb

Si stima che nel nostro Paese vi siano nel corso dell’anno più di 365.000 nuove diagnosi di tumore (esclusi i tumori della pelle, per i quali è prevista una classificazione a parte a causa della difficoltà di distinguere appieno le forme più o meno aggressive), circa 189.600 (52%) fra gli uomini e circa 176.200 (48%) fra le donne. Lo affermano i dati dell’Associazione italiana registri tumori (AIRTUM) relativi al 2016. Negli ultimi anni sono complessivamente migliorate le percentuali di guarigione: il 63% delle donne e il 57% degli uomini è vivo a cinque anni dalla diagnosi.