cop
Primo Piano

“Con lei sono morta anche io!”. Bimba di 9 anni muore a 3 giorni dalla nascita della sorellina: il racconto choc della madre. Cosa hanno scoperto durante l’autopsia

 

Soffriva di una rara malattia autoimmune che attacca gli organi vitali a partire da tiroide, pancreas e cuore. Ed è così che Courtney McCracken, di Grismby, nel Regno Unito è morta a 9 anni, 3 giorni prima che sua mamma, Lisa, mettesse al mondo la piccola Evekyn. La bimba non vedeva l’ora di conoscere la sua sorellina, ma purtroppo non ha fatto in tempo. La madre della bambina, inoltre, ha scoperto un’altra patologia, non diagnosticata e di cui ha appresso l’esistenza solo dopo il referto dell’autopsia, che ha contribuito a causare un decesso prematuro della sua piccola Courtney. Secondo il referto la bambina era affetta, infatti, anche da chetoacidosi diabetica. Un dolore straziante per la madre che solo adesso ha trovato il coraggio di raccontare la sua storia, come riporta il Mirror. Courtney ha manifestato i sintomi nei giorni antecedenti la nascita della sua sorellina ma sua madre, non conoscendo le sue reali condizioni di salute per le informazioni che appunto le mancavano, ha finito per sottovalutarne la gravità. (Continua dopo la foto)

cop

La piccola ha iniziato a manifestare i suoi problemi con una febbre tanto lieve da poter tornare a scuola il giorno successivo ma, due giorni dopo, la donna l’ha trovata priva di sensi nel suo letto. Lisa, giovane mamma di 26 anni, ha chiamato subito i soccorsi e l’ha portata in ospedale: la bimba aveva avuto un arresto cardiaco e per quanto i medici abbiano fatto il possibile per salvarla dopo 4 giorni è morta. (Continua dopo le foto)

dentro dentro2 dentro3

La donna ha avuto un fortissimo trauma: “Sono morta anche io un po’ nel perderla. È successo così in fretta, stava bene e qualche ora dopo ci ha lasciati”. Lisa, che è una mamma single, 3 giorni dopo ha messo al mondo la sua bambina: “Stavo per chiamarla Hope, ma Courtney ha detto che voleva chiamarla Evelyn. Quindi dopo la sua morte è stato quello il nome che ho scelto”.